Testimonianze

Non vedo le meraviglie di Dio, ma le canto

Sono felice di essere al mondo. Sono cieco, ho trent’anni, lavoro a Parigi, sono sposato, abbiamo...

La fede è un incontro

1942: Una granata scoppia fra le mani di Jacques Lebreton, 20 anni soldato nel deserto della...

Lo sconforto emotivo esige comprensione

Sheila Hollins, professore e consulente onorario nel servizio di psichiatria per le persone con...

Essere padrino di Mario

È stata probabilmente un'esperienza religiosa unica. Nove persone, giovani con handicap mentali...

Il nostro cammino

Quando ho visto il modo in cui il Vescovo ci accoglieva durante la cerimonia e come, dopo,...

Fratelli nella notte

A guardarci in faccia noi fratelli ci capiamo al volo: anche tu sei o sei stato prigioniero. Di...

Le richieste della sorella di un ragazzo disabile ai suoi amici

A volte è difficile avere una sorella disabile. Bisogna affrontare i sarcasmi, le domande strambe...

Genitori: non fateci arrabbiare

La festa dei 18 anni di Rosita fra le due sorelle ogni volta (o quasi) che parlo con mia sorella...

Mi ha insegnato ad amare

Molto giovane mia madre diede alla luce la sua seconda figlia, una bambina Down. I miei genitori...

Perché non mi capisci?

La porta di casa si chiude rumorosamente dietro di me; sento un gonfiore sulle labbra, mi fa male;...

Quelle ore mi hanno segnata

ll tempo trascorso a Fede e Luce è stato proprio un tempo di vita, di volti, di entusiasmi…che il cuore conserva con cura e dove spesso la mente si rifugia a «salutare» persone amiche

Mi hanno aperto gli occhi

Mi hanno aperto gli occhi

Un amico mi propose di passare una vacanza diversa in compagnia di alcuni bambini disabili e le loro famiglie: fu un’esperienza che mi cambiò radicalmente

Due chiamate speciali

Due chiamate speciali

C’è chi di ali ne ha una sola e per giunta ammaccata, segnata, ferita, eppure con quella riesce, spesso meglio di altri, ad aiutare i fratelli e a far funzionare la propria ala «impigliata» negli scogli della vita

Scout a Lourdes

Scout a Lourdes

Per me fare la vita ospedaliera era una cosa meravigliosa perché ho capito che la cosa più importante che esiste nel mondo è aiutare il prossimo che ha bisogno di noi

Tutto è possibile – Lettera di Chiara

Carissimi fratelli e sorelle di Fede e Luce, sono Chiara e vi scrivo dalla mia camera d’ospedale, di fronte alla finestra su di un mondo che prima o poi, con coraggio, dovrò affrontare

Pronto Soccorso in una bottiglietta

Pronto Soccorso in una bottiglietta

Una mamma condivide la sua esperienza con questo medicinale omeopatico, miscela di cinque fiori con effetti calmanti. Non sostitusce le terapie di cui necessitano i bambini ma è un buon supporto.

Rosamaria

Rosamaria

Davide ti ha insegnato il silenzio. È difficile farti parlare. Lo farò per te: per la stima e l’affetto che ti porto ma, soprattutto, per dire a te, a Franco e ai genitori come voi, che ci sentiamo un debito nei vostri confronti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi