Le domande che ci assillano – Newsletter n. 26

OL incontra... «A prescindere dalla loro razza, etnia, fede, identità o disabilità»: c’è...

Vangelo, immaginazione e intelligenza

Dice che i santi devono essere folli, suor Małgorzata Chmielewska. Perché solo i folli...

Quel che (a volte) serve per farsi capire

Io mi sono arrabbiatissima. Ho detto tante parolacce. E ho pure urlato. Ho protestato...

Il coraggio di essere uguali

La prima volta che sento parlare di vending, ammetto, cado dalle nuvole: non so proprio...

Io e Francesca

Disegno di Giulia Scimè, Vd, Scuola elementare Pistelli, Roma   Quell’anno avrei...

Niccolò tra coloro che hanno fatto la storia

Fa caldo, ma Jorit Ciro Cerullo, conosciuto più semplicemente come Jorit, continua a...

Topside: la fuga senza meta di Little e sua madre

Ci troviamo nei sotterranei di New York, nelle gallerie non utilizzate che fanno parte...

Khōrshīd: quattro ragazzini a Teheran

Un film dedicato alle migliaia di bambini costretti al lavoro minorile. Questo, per il...

Perso nella traduzione

Per lei che lo ha vissuto in prima persona, il conflitto nella ex Jugoslavia sarà sempre...

L’uomo che mise in vendita la sua pelle

Qualche anno fa un quarantenne svizzero si fece tatuare sulla schiena un disegno da un...

Ultimi articoli

Le domande che ci assillano – Newsletter n. 26

Le domande che ci assillano – Newsletter n. 26

OL incontra... «A prescindere dalla loro razza, etnia, fede, identità o disabilità»: c’è spazio anche per le persone con disabilità tra le prime parole pronunciate dal neo presidente statunitense Joe Biden. Un’attenzione importante ai più fragili in un Paese che deve...

Vangelo, immaginazione e intelligenza

Vangelo, immaginazione e intelligenza

Dice che i santi devono essere folli, suor Małgorzata Chmielewska. Perché solo i folli sanno vivere il Vangelo fino in fondo. Lei è sicuramente una donna che rompe gli schemi. È una suora, ma fuma, a volte dice le parolacce e per di più è anche madre e nonna. Da...

Il coraggio di essere uguali

Il coraggio di essere uguali

La prima volta che sento parlare di vending, ammetto, cado dalle nuvole: non so proprio a cosa si riferisca quel termine inglese; a parlarne poi è un prete che arriva dal Cottolengo di Torino e racconta di come questo vending abbia costituito l’idea per un’impresa...

Quel che (a volte) serve per farsi capire

Quel che (a volte) serve per farsi capire

Io mi sono arrabbiatissima. Ho detto tante parolacce. E ho pure urlato. Ho protestato tanto. Perché? Perché mia nonna è caduta per terra e io proprio non volevo! No! Capito? Mentre papà e mamma la tiravano su perché era caduta io dicevo le parolacce perché non volevo...

Io l’ho deciso. Io, me stessa

Io l’ho deciso. Io, me stessa

Io non voglio proprio parlare delle vacanza al mare. Non mi va, punto e basta così. Tutti mi chiedono «Benedetta che hai fatto al mare?». Ma io non voglio rispondere. Non mi va. Come lo devo dire che non mi va? Ecco! Qui da Roma ho deciso io di fare videochiamate con...

Newsletter

Ricevi ogni mese la newsletter di Ombre e Luci.

“Gli siamo grati per questo” – La testimonianza dei genitori di Gianni

Non li ha mai chiamati mamma e papà e non ha mai avuto per loro una frase affettuosa. Ma Valeria e Giulio gli hanno dedicato la vita intera

Vita Fede e Luce n. 40 – Incontro “Alpi-Danubio”

Nella bella campagna di Zam’bèck presso Budapest si è tenuto dal 6 al 12 agosto l’incontro dei...

Come ascoltare veramente

Negli Stati Uniti, uno studio sulla capacità di ascolto durante una conferenza, ha...

Dedicato ai bambini – Flavio

Queste quattro pagine sono bambini, piccoli e anche grandicelli, perché comincino a riflettere...

Dialogo aperto n.47

Per non sentirsi soli Carissimi amici di Ombre e Luci, vi ringrazio per l’invio del vostro...

Vita Fede e Luce n. 4

Ginevra 25-28 agosto Incontro della zona Fede e Luce Sudeuropea Novanta persone (genitori, persone...

Il mio cielo è diverso – Acrobazie mentali di un giovane disabile

In una immobilità quasi assoluta — può muovere soltanto il collo e la testa — Flavio, un giovane...

Proibito amarlo

Gli articoli di questo numero presentano le esperienze di un giovane disabile, un'amica, un...

Basta la porta aperta?

Partecipano le persone handicappate mentali alla vita delle parrocchie, alle comunità liturgiche...

Tu ci liberi dal male

Il desiderio che sta alla base di questa veglia di preghiera è quello di utilizzare diversi canali...

Speciale Aktion T4

Le ombre si fanno densissime quando si tratta di raccontare l’operazione T4, e cioè lo sterminio su larga scala delle persone con disabilità ideato e praticato dal nazismo.

Copertina_OeL_151_2020
ULTIMO NUMERO

N. 151
Viaggio nell’arte

Il nuovo Ombre e Luci compie un lungo viaggio nell’arte realizzata, contemplata e fatta insieme per promuovere comunità inclusive. E ancora l’intervista a Bandirali di Uovonero, la testimonianza di un futuro trustee, i testi di F&L, corti, libri, rubriche…

Sostienici!

Con soli
2€
al mese puoi sostenere la redazione e la stampa del giornale.

35 anni di Ombre e Luci

Nel 1983, usciva il primo numero di Ombre e Luci. Per festeggiare questo compleanno speciale abbiamo cominciato a  digitalizzare tutti gli articoli, le foto, le testimonianze.

Speciale Cinema e Disabilità

Su queste pagine abbiamo più volte raccontato come sul grande schermo viene affrontato il tema della disabilità. Con questo speciale proviamo a fare il punto anche con il contributo di alcuni esperti del settore

Chi siamo

Mariangela Bertolini

Sergio Sciascia

Marie-Hélène Mathieu

Sostienici

Puoi sostenerci con il tuo tempo, la tua esperienza, la tua professionalità, ma anche economicamente.

Insieme è meglio!

Ricevi approfondimenti dal mondo della disabilità ogni quindici giorni.

Sostieni Ombre e Luci

Se ti piacciono i contenuti che pubblichiamo, aiutaci a mantenerli vivi. Basta un contributo, anche piccolo.

Collabora con noi

Hai un computer e un po’ di tempo a disposizione? Aiutaci a digitalizzare il nostro archivio.

Home ultima modifica: 1917-09-27T10:06:42+00:00 da Redazione