Carissimi fratelli e sorelle di Fede e Luce, sono Chiara e vi scrivo dalla mia camera d’ospedale, di fronte alla finestra su di un mondo che prima o poi, con coraggio, dovrò affrontare.
È impossibile descrivere la sofferenza che provo, le ferite esterne provocate dai proiettili che mi hanno colpita sono nulla in confronto a quelle interne, del cuore.

Io credo in Dio da un po’ più di un anno nonostante il mio cammino in Fee e Luci sia iniziato 4 anni fa. La fede nel Signore è ciò che mi sta salvando dal baratro della disperazione.
Non sto a ripetere che persona speciale fosse Giovanni ed il legame unico, vero ed irripetibile che ci univa e tuttora ci unisce.

Da quando la cosa più brutta che poteva succedermi nella vita è successa ho riscoperto l’essenziale, nonostante l’avessi già ben presente prima, guardando negli occhi un ragazzo con handicap o una persona che ha sofferto… l’Amore!

Leggi anche “La tragedia di Giovanni e Chiara”

Sto vivendo l’importanza di una Comunità che ti stringe intorno fisicamente, oppure con la preghiera, il pensiero, l’affetto che non hanno limiti e di questo ringrazio tutti.
Ho tanta pace nel cuore, fiducia e Speranza nella Giustizia che spero di poter mantenere e trasmettere alle persone che incontrerò nel corso della mia vita.

Giovanni ha vissuto ed è morto per Amore e questo è il ricordo più bello che possiamo avere di lui. Ha avuto l’opportunità di conoscere nuovi amici con Fede e Luce; mi diceva sempre di fare poco per gli altri, di voler fare di più, di voler essere più vicino .

Ora non avrà più limiti nel proteggerci, tutti, perché a fianco del Signore tutto è possibile.

Questa è la chiave per la Forza che ognuno di noi deve custodire bene in tasca per usarla nelle piccole, grandi difficoltà delle nostre Comunità.

Chiara

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.72

Sommario

Editoriale

Un Natale speciale di M. Bertolini

Medici e disabilità

Medici o stregoni? di C. F. Klieman
Perché non ci capiamo? di Adriana Duci
Nati due volte di Giuseppe Pontiggia
Blessings di Mary Craig

Altri articoli

Nessuno escluso: il natale del laboratorio l'Alveare di Penna Blu
Oggi, la famiglia...?! di André Roberti
Casa Blu di Huberta Pott e Natalia Livi
Nessuna Pietà di Vito Giannulo
La tragedia di Giovanni e Chiara di Caterina Bórdon
Tutto è possibile di Chiara

Tutto è possibile – Lettera di Chiara ultima modifica: 2000-10-26T08:34:29+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi