E lì ci hanno accolto con gioia – La storia di un’adozione particolare

Vi racconto l’esperienza fatta in India.
Hanno costruito un asilo intitolato Fr. Massimo e noi siamo andati all’inaugurazione.
Con un prete che si chiama Padre Raja siamo andati in un villaggio e lì ci hanno accolto con gioia. Padre Raja ha avuto un nipotino e i miei genitori hanno fatto da madrina e padrino al piccolino che si chiama Massimo.

Io ho adottato a distanza 3 bambine con problemi di handicap. Una si chiama Reka e vive con altri bambini con problemi dalle Suore di Madre Teresa. Reka è una bimba che non parla e non cammina ma è molto vivace e sorridente.
Aruna è una ragazzina sordomuta e vive in un’istituto per bambini sordomuti. Anche Sunita vive in quell’istituto e ha danzato per noi.
A me piacerebbe in India fare un centro per bambini disabili che si intitola: Casa di accoglienza Emanuel.
In India faceva caldo.
Quando siamo tornati a casa abbiamo trovato la neve.
Quella che più mi ha colpito sono stati i visi sorridenti. Ci ritornerei con molto entusiasmo.

Emanuela Bignetti, 2001

E lì ci hanno accolto con gioia – La storia di un’adozione particolare ultima modifica: 2001-03-09T14:27:32+00:00 da admin

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.