Zio Giorgio

Lo zio Giorgio è venuto in agosto a passare qualche giorno da noi, nella casa di famiglia dove è cresciuto. Accolto da dimostrazioni d’affetto dei nipoti e dei cugini, il suo viso sottile incorniciato da capelli bianchi si è illuminato di un magico sorriso.

Lo zio Giorgio ha ottant’anni e da almeno cinquanta vive in una casa famiglia per persone disabili. Racconta volentieri la sua vita, parla con vivacità dei ricordi familiari. Lo accompagna un educatore attento ai suoi bisogni (lo zio Giorgio ha problemi di coordinamento, linguaggio e memoria), rispettoso dei suoi desideri e della sua autonomia; lo interpella e parla di lui sempre come il Signor K. Lo zio Giorgio è un uomo rispettato.

Nella vita quotidiana lo zio svolge una piccola attività al mattino (scelta e taglio di francobolli). “Ascolti musica quando lavori?” “No, risponde, bisogna concentrarsi per non fare errori”.
Lo zio Giorgio è un uomo disciplinato che ha imparato a far bene le cose e ad essere responsabile.

La domenica, accompagnato o solo, va in chiesa. Gli piace cantare. Tempo fa durante una cerimonia, un inno un po’ antico diceva: “Dio solo è grande; io sono solo un piccolo fiore appassito…”. Lo zio Giorgio si mette a piangere. Alla fine del rito, il pastore, che ha notato la sua tristezza, va verso di lui per capire e consolarlo. “Ma io non sono un fiore appassito” dice Giorgio. Allora il pastore gli spiega che si tratta di un’immagine letteraria e Giorgio rientra a casa rasserenato.
Lo zio Giorgio ha di sé una immagine positiva.
Prima di partire pranziamo tutti insieme. Lui è allegro, scherza persino. Ridiamo un po’ tutti.

Lo zio Giorgio è un uomo felice.

Nicole Schulthes , 2001

Nicole Marie Therese Tirard Schultes
Ha studiato Ergoterapia in Francia e negli Stati Uniti, co-fondando nel 1961 l'Association Nationale Francaise des Ergotherapeutes, (ANFE).
Trasferitasi a Roma, incontra Mariangela Bertolini e insieme avviano nel 1971, su invito di Marie-Hélène Mathieu, le attività di Fede e Luce e partecipano all'organizzazione del pellegrinaggio dell'Anno Santo del 1975. Dal 1983 al 2004 cura con Mariangela la rivista Ombre e Luci. Per anni ha organizzato il campo estivo per bambini e famiglie sul campus della scuola Mary Mount a Roma.

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.

Sommario
La presenza dei piccoli di Mariangela Bertolini

Il lavoro

Cooperativa sociale di A. Mazzarotto
Una cooperativa sul mare Produzione di alta qualità a cura della redazione
Spazio aperto di V. Paoli
Il mio amico Carlo di Beatrice (Trixi) Pezzoli

Quella terza preziosa età

Quella preziosa terza età di V. P.
Zio Giorgio di Nicole Schulthes
Mantenere viva la giovinezza del cuore di Marie Baptiste
«Sto invecchiando» Preghiera antica

Altri articoli

Progetto Calamaio

Rubriche

Dialogo aperto
Libri
Non c’è persona più ricca di me, Carla Porrati
Il piano educativo riabilitativo individualizzato per il disabile mentale adulto, Vittore Mariani
La forza dei carattere, James Hillman

Zio Giorgio ultima modifica: 2001-06-17T17:06:27+00:00 da Nicole Schulthes

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.