Scout a Lourdes

Quando sono stato a Lourdes una delle tante attività che ho svolto era quella dello Scout nel gruppo barellieri. Questa, era per me un’esperienza che mi ha fatto conoscere un mondo di affetto e aiuto per le persone carrozzate e per quelle nel barellato.
Il viaggio verso Lourdes era di grande soddisfazione perché io personalmente ho aiutato un collega barelliere a trasportare per tutti gli scompartimenti del treno sia il pranzo che la cena fino a raggiungere il vagone riservato per le vivande per prendere le altre confezioni di cibo e continuare il servizio.

«Per me fare la vita ospedaliera era una cosa meravigliosa perché ho capito che la cosa più importante che esiste nel mondo è aiutare il prossimo che ha bisogno di noi».

Arrivati alla stazione hanno fatto scendere sia carrozzati ed i barrellati.
Invece nell’ospedale che ci era stato assegnato, abbiamo fatto sistemare tutti i ragazzi, mentre eravamo in albergo.
Per me fare la vita ospedaliera era una cosa meravigliosa perché ho capito che la cosa più importante che esiste nel mondo è aiutare il prossimo che ha bisogno di noi. Infatti ero molto contento di essere andato a Lourdes soprattutto per trasportare i carrozzati a sentire la messa alla Basilica sotterranea S. Pio X ed anche per la via crucis e per la fiaccolata.

In ospedale stesso, facevamo divertire i ragazzi con i giochi che svolgevano le dame e i barellieri, sentivamo la musica e ballavamo tutti.
Questa era stata l’esperienza più significativa che mi ha fatto capire l’importanza dell’aiuto a chi ne ha più bisogno. L’ho vissuta bene questa avventura; mi è stato molto utile. Soprattutto dell’aiuto verso il prossimo che chiede e vuole dagli altri tutte le cure e gli affetti di questo mondo.

Daniele Cogliandro, 2001

Scout a Lourdes ultima modifica: 2001-03-09T14:35:50+00:00 da Daniele Cogliandro

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.