Ombre e Luci n. 64 – Alla ricerca di chi sa accogliere

Anno XVI – Numero 4 – Ottobre – Novembre – Dicembre 1998

In questo numero:

Sono andata in discoteca

Sono andata in discoteca

Sono andata in discoteca. L'avevo già deciso a luglio quando ero in vacanza al mare. Ma a Roma è un'altra cosa. Aspetta: sono due cose diverse. Quando ero al mare volevo andare in discoteca perché tutti parlavano di quando andavano in discoteca. Io voglio fare sempre...

leggi tutto
Lucrezia e il Marco di ieri e di oggi

Lucrezia e il Marco di ieri e di oggi

«L'oratorio della mia parrocchia era un po’ in difficoltà nella Milano dei primi anni Settanta, e così il prete di noi ragazzi “si inventò” gli scout: mi ci buttai a capofitto». Chi parla è don Marco Bove, vera roccia per Fede e Luce: assistente spirituale nazionale...

leggi tutto
Chi cura le anime?

Chi cura le anime?

Alla fine di ottobre si ritroveranno a Roma alcuni assistenti spirituali delle comunità di Fede e Luce per un incontro di formazione. Il movimento considera indispensabile la loro presenza per la crescita spirituale di ciascuno. Non è però scontato che sacerdoti,...

leggi tutto
La prossima volta lo rifaccio

La prossima volta lo rifaccio

Domenica 6 ottobre sono andata a correre a Tarquinia, che sta proprio sul mare, con tutti i miei amici di Athletica Vaticana. Mi avevano detto che io dovevo fare solo il tifo. E io ho detto di sì. Però ho detto una bugia perché io, con la mia testa, ho...

leggi tutto
Moda e disabilità: niente è impossibile

Moda e disabilità: niente è impossibile

Quando moda e disabilità si incontrano niente è impossibile! Domenica 29 settembre alle 19.30 nel Teatro Di Costanzo – Mattiello di Pompei si terrà la quinta edizione de “L’altra faccia della moda…Impossible is nothing”, una serata di moda e spettacolo organizzata...

leggi tutto
Parchi per tutti: terzo parco accessibile a Milano

Parchi per tutti: terzo parco accessibile a Milano

Un nuovo parco accessibile sarà inaugurato a Milano nei Giardini Martinetti. L’inaugurazione di questo spazio verde, prevista per sabato 28 settembre alle ore 11.30, è la terza tappa del progetto “Parchi per tutti”. Dopo il Parco Montanelli, nel 2018, e i Giardini di...

leggi tutto
Come avrei voluto vederti più spesso

Come avrei voluto vederti più spesso

Nella mia comunità ne ho sentito parlare, so per certo che Jean Vanier era una persona importante. Quello che è brutto è che non si ha modo di frequentarlo, per la lontananza, io l’ho visto di sfuggita quando avevo quarant’anni, era amato per il suo pensiero sui...

leggi tutto
“Daje Benedetta”, “Daje tu, bello!”

“Daje Benedetta”, “Daje tu, bello!”

Mercoledì e venerdì sono i miei pomeriggi preferiti perché vado in palestra a fare ginnastica ritmica. La mia insegnante Camilla è molto brava, quasi come me. Io le do retta così faccio bene gli esercizi e miglioro. Mi piace tantissimo fare la verticale e la ruota e...

leggi tutto
La tenerezza di Jean in un film

La tenerezza di Jean in un film

Per me, fa parte di una categoria di Mahatma, di grandi anime, è la madre Teresa dei nostri giorni. Ho voluto fare il suo ritratto per trasmettere il pensiero profondo che lo anima, la sua filosofia di vita, il mistero di ognuno che egli ha saputo mettere in evidenza....

leggi tutto
Il tesoro nascosto nel campo

Il tesoro nascosto nel campo

Qualche mese fa sembrava che Armando fosse per l’ennesima volta in punto di morte: non sapendo cosa fosse meglio per lui, Marco, il suo tutore, decise di sentire Jean. E Jean non ebbe dubbi: Marco doveva considerare la vita di Armando non secondo i suoi parametri, ma...

leggi tutto
Il tuo ultimo soffio

Il tuo ultimo soffio

«Tu sei prezioso». Un cartello colorato a mano, affisso alle travi. Quella frase che mi aveva colpito tanti anni fa campeggia sopra la bara in legno grezzo. Quante volte l’hai ripetuta a ogni persona che hai incontrato? Ora è come se tutti la ripetessero a te: «Tu sei...

leggi tutto
L’autista più illustre

L’autista più illustre

Tutto potevo aspettarmi quando Giulia mi propose di accompagnarla a Trosly da Jean Vanier (allora ero anche uno dei due coordinatori della comunità di Fede e Luce di San Roberto a Roma, figuratevi che emozione!) ma mai al mondo avrei immaginato che quell’uomo, di cui...

leggi tutto
Levatrice di cose nuove

Levatrice di cose nuove

Annamaria De Rino, 87 anni, tra i testimoni degli inizi di Fede e Luce in Italia, prende la parola alla veglia in ricordo di Jean Vanier organizzata a Milano: «Non ho avuto molti contatti con lui di persona. Era mia sorella Mariangela che nei primi anni ci passava...

leggi tutto
Jean e il carro di Geneviève

Jean e il carro di Geneviève

Per me Jean ha contato tanto. Veramente tanto. Era come un padre spirituale». Sono al Luna Park di Ostia, un posto molte volte incrociato ma mai veramente visto: se vi sono entrata per la prima volta, è grazie a Jean. Perché è qui che vive una sua grande amica,...

leggi tutto
Il coraggio di cambiare

Il coraggio di cambiare

Jean Vanier nasce nel 1928 da genitori canadesi a Ginevra, dove il padre (generale) è Consigliere militare presso la Società delle Nazioni. A soli 12 anni, sconvolto dalla seconda guerra mondiale, decide di entrare nel Royal Naval College di Dortmouth. Abbandonata la...

leggi tutto

Sostienici

Puoi sostenerci con il tuo tempo, la tua esperienza, la tua professionalità, ma anche economicamente.

Collabora con noi

Hai un computer e un po’ di tempo a disposizione? Aiutaci a digitalizzare il nostro archivio.

Ombre e Luci n. 64 – Alla ricerca di chi sa accogliere ultima modifica: 1998-12-24T15:31:37+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi