Ombre e Luci n. 64 – Alla ricerca di chi sa accogliere

Anno XVI – Numero 4 – Ottobre – Novembre – Dicembre 1998

In questo numero:

Nella casa di Dario

Nella casa di Dario

Nel 1979 vivevamo a Milano nel rione della parrocchia San Giuseppe della Pace. La famiglia a quell’epoca era composta da me, mia moglie Irma e nostro figlio Paolo, un ragazzo con sindrome di Down di 16 anni. Uscendo dalla messa ci si avvicinò una signora, Giovanna...

leggi tutto
La risposta di Gesù

La risposta di Gesù

«Rabbi, chi ha peccato lui o i suoi genitori?»: nel vangelo di Giovanni (9, 1-7) i discepoli rivolgono a Gesù questa domanda davanti a un uomo nato cieco. È una domanda che giunge fino a noi, con tutta la forza e i dubbi che contiene. In effetti in essa c’è una...

leggi tutto
Marco Cavallo

Marco Cavallo

Nella foto: Uno dei nipoti di Marco Cavallo che “vive” ancora al San Giovanni di Trieste (fotografia di Serena Sillitto) Al complesso manicomiale del San Giovanni di Trieste nel 1971 arriva Franco Basaglia, l’uomo che rivoluzionerà l’approccio alle psicosi e...

leggi tutto
Tra lame che affondano e ferite medicate

Tra lame che affondano e ferite medicate

Ora che la separazione della morte mette la distanza necessaria per poterlo fare, Federica Sgaggio parla con sua madre e ce la racconta. Donna dall’«intuito spietato, violento e primitivo», la figura di Rosa Sammarco emerge potentemente dalle schegge di un passato...

leggi tutto
Per una storia della disabilità

Per una storia della disabilità

L'esame di Ludovica Qualche mese fa arrivò una lettera in redazione: era la nonna di Ludovica che ci raccontava, con grande (e fondato!) orgoglio, l’esame di terza media della nipote, reso incerto e difficile “a causa del coronavirus”. Figlia di genitori sordi, su...

leggi tutto
A 4300 metri di altitudine – Newsletter n. 31

A 4300 metri di altitudine – Newsletter n. 31

OL incontra... Anche solo perché, con i suoi 4300 metri di altitudine, è una delle città più alte al mondo, Cerro De Pasco in Perù potrebbe essere un’interessante meta turistica. Il suo nome è invece legato a una delle miniere a cielo aperto più grandi del globo...

leggi tutto
Il mostro che ha mangiato Gerardo

Il mostro che ha mangiato Gerardo

Nel 1533 l’imperatore Inca Atahualpa venne catturato dai conquistadores guidati da Pizarro nella battaglia di Cajamarca: per liberarlo, gli spagnoli chiesero al popolo Inca di riempire due stanze di argento e una stanza d’oro. I sudditi di Atahualpa andarono ai...

leggi tutto
Tutto quello che hanno detto di preciso

Tutto quello che hanno detto di preciso

Nella foto: Didattica a distanza, pranzo in presenza di Benedetta I professori hanno detto ai miei genitori che sono molto brava e lavoro tantissimo. Hanno detto che sono contenti. E che quando mi interrogano rispondo bene. Hanno detto che loro vedono che con tutti i...

leggi tutto
No GAC ma SAC!!!

No GAC ma SAC!!!

Tradizione vuole che ogni comunità dedichi una giornata all’anno a far conoscere Fede e Luce con attività o eventi particolari (vendita di torte, concerti, rappresentazioni teatrali, partite di calcio…), la cosiddetta GAC, un acronimo che a me non piace molto e che...

leggi tutto
Quando la protagonista è ridotta a comparsa

Quando la protagonista è ridotta a comparsa

È molto difficile giudicare serenamente un film che è stato travolto dalle polemiche ancor prima di essere visto, basandosi su poche informazioni e sui trailer. L’accesa controversia ha riguardato il personaggio che dà il titolo al debutto alla regia della musicista...

leggi tutto
È bello avere un posto dove lavorare

È bello avere un posto dove lavorare

Io mi sveglio alle ore 6:00, tutto assonnato e vorrei dormire ancora, mi vesto con i vestiti che tengo in una sedia vicino, e poi vado in cucina per bere un caffè. Controllo Facebook e poi esco subito di casa, perché devo andare a lavorare, io per andarci mi preparo...

leggi tutto
Una piccola matita nelle sue mani

Una piccola matita nelle sue mani

«Ho pensato – racconta Eufemia – che ti devono bastonare veramente forte perché qualcuno si accorga di te. Non basta essere un po’ in ansia per i propri figli, la depressione non è contemplata, non è sufficiente alzarsi di cattivo umore per sperare che si fermi...

leggi tutto
Imparare a cadere

Imparare a cadere

Noel ama gli AC/DC, la chitarra, arrostire (bruciandoli) i marshmallows e la sua mamma, con cui vive a Berlino. Un giorno però irrompe la tragedia e così, improvvisamente, tutto muta nella vita del ragazzino. Un signore con la barba lo porta in una struttura molto...

leggi tutto
Tutta un’altra storia

Tutta un’altra storia

L'uomo ha bisogno di storie quasi come del cibo, ricordava Papa Francesco nel messaggio per la Giornata delle Comunicazioni sociali del 2020; e a Ombre e Luci crediamo fermamente nella necessità di raccontare, nel bene possibile, storie e riflessioni intorno al mondo...

leggi tutto
Assieme – Newsletter n. 30

Assieme – Newsletter n. 30

OL incontra... Abbiamo da poco festeggiato un compleanno a cui avremmo rinunciato volentieri, quello della chiusura totale decretata il 9 marzo 2020 per contrastare il covid-19. Da allora un tempo di lutto, paure, nuove povertà e antiche salite. Ogni bilancio è...

leggi tutto
Gianciotto Malatesta e i conti che tornano

Gianciotto Malatesta e i conti che tornano

A me Gianciotto Malatesta sta un bel po’ antipatico. Io però di questa storia dei cognati Paolo e Francesca non ho capito proprio un bel niente. Solo che sono tutti morti. La professoressa mi fa studiare la Divina Commedia di Dante Alighieri che viveva pure a Firenze...

leggi tutto
Carne e ossa ai fantasmi

Carne e ossa ai fantasmi

In attesa che il vaccino inneschi la svolta nella gestione della pandemia - come fanno ben sperare gli esempi dei Paesi che sono riusciti a portarne avanti la diffusione nel contrasto ai contagi - si fa sempre più urgente guardare all’ultimo anno, ricordare cosa...

leggi tutto
Fare rete con la Rete

Fare rete con la Rete

Il distanziamento sociale, nel suo aspetto meramente materiale di distanza fisica tra le persone, è l’antitesi perfetta dei rapporti umani che si vivono a Fede e Luce, dove il dialogo vive poco di verbalizzazione e invece molto di parole abbracciate, sorrise o...

leggi tutto
Ho votato

Ho votato

Ho votato! Sono super contenta! Io avevo paura di votare perché non sapevo cosa è votare. Tutti mi dicevano che era importante perché ci devono essere due compagni che devono fare i rappresentanti di tutta la classe. Ma io rispondevo che non votavo. Pure su whatsapp...

leggi tutto
Io non lo so cosa mi aspetto dal futuro

Io non lo so cosa mi aspetto dal futuro

Io sono un ragazzo che sta per compiere 50 anni. Durante l’anno che vivo io sono in ansia e attesa perché ogni giorno che mi sveglio è uguale a quello passato. Dal lunedì al venerdì fino all’avvicinarsi del giorno prefissato. Io non lo so cosa mi aspetto dal futuro....

leggi tutto
Grazie, papà don Carlo

Grazie, papà don Carlo

Di recente si è parlato molto della fondazione don Gnocchi, ma quale era davvero il progetto del sacerdote lodigiano? Per rinverdire la memoria, riprendiamo il libro Grazie, papà Don Carlo in cui le bimbe e i bimbi di allora ne ricostruiscono l’impegno per l’infanzia...

leggi tutto
Viaggio Italia around the world

Viaggio Italia around the world

Due torinesi, entrambi in carrozzina dopo un incidente, uniscono le forze in un progetto alla scoperta delle bellezze dell’Italia accessibile. Viaggio Italia around the world inizia nel 2015 e continua ancora oggi, raccontando con coraggio e positività che la vita di...

leggi tutto
Riappropriarsi della propria firma

Riappropriarsi della propria firma

Trentasette secondi senza respirare sono stati i primi della vita di Yuma, causandole una paralisi cerebrale infantile con le cui conseguenze, ormai ventiquattrenne, convive in maniera apparentemente serena. Abita con la madre, affettuosa e apprensiva, ed è...

leggi tutto
Il diritto di chi?

Il diritto di chi?

Ogni bambino ha diritto a una famiglia, il che va garantito nel rispetto del suo interesse superiore: è questo, in estrema sintesi, il principio alla base degli strumenti di tutela dei minori. Tra essi il principale è l’adozione, diventata in pochi anni un tema caldo...

leggi tutto
Già nostro figlio

Già nostro figlio

Dopo circa due anni di attesa, con l’idoneità per l’adozione nazionale in scadenza, io e Mara finalmente siamo stati contattati per un colloquio al Tribunale dei Minori. Da quello che sappiamo, dal mare di coppie disponibili restringono il cerchio a 4/5 che, sulla...

leggi tutto

Sostieni Ombre e Luci

Se ti piacciono i contenuti che pubblichiamo, aiutaci a mantenerli vivi. Basta un contributo, anche piccolo.

Collabora con noi

Hai un computer e un po’ di tempo a disposizione? Aiutaci a digitalizzare il nostro archivio.

Ombre e Luci n. 64 – Alla ricerca di chi sa accogliere ultima modifica: 1998-12-24T15:31:37+00:00 da Redazione