Numero 154 – Guardami, questa/questo sono io

Anno 39, 2021 – Trimestrale: Aprile, Maggio, Giugno

Copertina_OeL_154_2021

Speriamo vi scavi un po’ dentro e vi scompagini positivamente il nuovo Ombre e Luci in viaggio verso le vostre case. Ricco di contenuti, Guardami, questa/questo sono io contiene tra l’altro un focus che riflette sullo sguardo. Lo sguardo della persona con disabilità su di sé, lo sguardo dei suoi familiari, degli estranei e anche il non-sguardo (articoli di Laura Coccia, Giorgia Fontani, Giulia Galeotti, Vittore Mariani ed Enrica Riera). Apre il numero l’intervista di Cristina Tersigni a Costanza Mestichelli, imprenditrice agricola nel Viterbese, la cui vita e la cui azienda coinvolgono persone poste ai margini della società; conosceremo così anche Adama Traoré, un ragazzo del Mali, e Pietro Bigari, settantacinquenne con disabilità che nella casa di Mestichelli ha trovato sollievo dalla dura periferia romana in cui viveva. Tra gli altri articoli del numero, la recensione al nuovo libro di Marco Bove, Maneggiare con cura (Edb 2021), “il diario intimo e profondo di un sacerdote che – scrive Giulia Galeotti – sa di cosa parla quando parla di fragilità, disabilità e limiti, più o meno apparenti”.

SOMMARIO

Editoriale
Nove punti di Cristina Tersigni

Focus: Guardami, questa/questo sono io
Inneschiamo la valanga? di Giulia Galeotti
Cosa c’è sotto gli aggettivi di Laura Coccia
Con gli occhi di Corrado di Giorgia Fontani
Chi mettere al centro dell’obiettivo? di Enrica Riera
Eliminarli dalla nostra vista di Vittore Mariani

Intervista
Far vivere il luogo (e le persone) di cui si è custodi di Cristina Tersigni

Dall’archivio
Quel vecchio signore che non conosciamo di Marie Hélène Mathieu

Testimonianza
Mio figlio, che non voleva vedermi piangere di Grazia Maria Romanini

Associazioni
Quante cose possono nascere intorno a un libro di Cristina Tersigni

Fede e Luce
Piccole cronache dalla Lunigiana dalla Provincia di Kimata

Spettacoli
Incapace di reinventarsi di Claudio Cinus
Arriva Pablo, che vede il mondo a modo suo di Matteo Cinti

Dialogo Aperto

Libri
Maneggiare con cura di Marco Bove
Una specie di scintilla di Elle McNicoll
E poi saremo salvi di Alessandra Carati
Quello che non uccide
di David Lagercrantz

Diari
Padel, una parola che non si capisce di Benedetta Mattei
Tornando a casa di Giovanni Grossi

In questo numero

Incapace di reinventarsi

Incapace di reinventarsi

Un batterista perde gran parte dell’udito all’improvviso: i suoni diventano ovattati, si sente come separato dal resto del mondo. Sarebbe destabilizzante per chiunque, ma per chi usa l’udito per lavoro è un colpo durissimo. Ruben (Riz Ahmed) ha un atteggiamento di...

leggi tutto
Pablo, che vede il mondo a modo suo

Pablo, che vede il mondo a modo suo

Si chiama Pablo, ha 5 anni, ama disegnare ed è il protagonista di una nuova serie animata inglese. È intelligente e molto sensibile, spesso smarrito di fronte a persone che non conosce, spaventato dalle feste affollate, turbato quando perde un oggetto. Davanti a...

leggi tutto
Dialogo Aperto n. 154

Dialogo Aperto n. 154

Prenotata e vaccinata Cari amici, sono contenta di scrivere che il giorno 11 maggio ho fatto il vaccino! Sul braccio sinistro ed è andato tutto ok. La sera, prima di andare a letto ho preso una compressa di tachipirina e poi ho dormito bene ed il giorno dopo non avevo...

leggi tutto
Piccole cronache dalla Lunigiana

Piccole cronache dalla Lunigiana

Antonietta, Egiziana e Silvia si sono messe al lavoro per aggiornarci sulle loro due comunità, le più “settentrionali” della provincia Kimata: ai piedi delle Alpi Apuane, una rete di amicizia come quella delle comunità Fede e Luce può fare per molti la differenza....

leggi tutto
Padel, una parola che non si capisce

Padel, una parola che non si capisce

Io non ho capito perché chiamano padel i racchettoni. Quando mi hanno invitata ad andare a vedere il torneo di padel di Athletica Vaticana io non capivo che cosa era, che cosa facevano e che cosa dovevo fare io. Io padel non sapevo cosa voleva dire. Quando mi invitano...

leggi tutto
Eliminarli dalla nostra vista

Eliminarli dalla nostra vista

La gratuità degli esami diagnostici prenatali favorisce ulteriormente la ricerca e l’individuazione precoce delle anomalie genetiche, di cui la più nota è la sindrome di Down. Consequenziale è il ricorso all’aborto, diffusissimo nei Paesi del nord Europa, in alcuni...

leggi tutto
Chi mettere al centro dell’obiettivo?

Chi mettere al centro dell’obiettivo?

«Posso sentire le parti della macchina e capire i problemi dei motori solo ascoltando i loro suoni. Questo mi aiuta a realizzare un buon lavoro». Siamo a Trinidad, Cuba, è il 2016. Un meccanico sorride davanti al cofano sollevato di un’automobile, parcheggiata lungo...

leggi tutto
Con gli occhi di Corrado

Con gli occhi di Corrado

Quando ho iniziato a scrivere non sapevo da dove cominciare. Raccontare e mettere in ordine i pensieri, non sempre è facile. Ho deciso di chiudere gli occhi per qualche istante, e provare a cercare dentro di me un’immagine, il ricordo più nitido che avevo dei...

leggi tutto
Cosa c’è sotto gli aggettivi

Cosa c’è sotto gli aggettivi

Cos’è bello? Chi definisce cosa sia bello e cosa brutto? “Bello” e “brutto” sono aggettivi qualificativi, che aggiungono qualità a ciò che si sta descrivendo dal punto di vista dell’osservatore, esattamente come “alto” o “basso” dipendono dalla prospettiva di colui...

leggi tutto
Inneschiamo la valanga?

Inneschiamo la valanga?

«Rimango a fissarmi nello specchio di papà per forse venti minuti. Non capisco. A me sembra di essere carina. Perché gli altri non vedono ciò che vedo io?» si chiede la tredicenne Maleeka, protagonista di The Skin I’m In. Il colore della mia pelle di Sharon G. Flake...

leggi tutto
Nove punti

Nove punti

Nove punti disposti su tre linee a distanza regolare devono essere uniti da un massimo di quattro righe senza mai alzare la matita dal foglio (conoscete la risposta? Provate prima di proseguire). Nella maggior parte dei casi, chi cerca una soluzione a questo gioco...

leggi tutto
Tornando a casa

Tornando a casa

Quando arriva il mercoledi, io arrivo alle ore 17.30 dal lavoro, salgo le scale della Rampa Massaciuccoli, e vedo i ragazzi che fumano o parlano, soprattutto le ragazze che parlano di calcio. La vera sorpresa è che mio nipote Gabriele fa lezione online di religione....

leggi tutto

Sostieni Ombre e Luci

Se ti piacciono i contenuti che pubblichiamo, aiutaci a mantenerli vivi. Basta un contributo, anche piccolo.

Collabora con noi

Hai un computer e un po’ di tempo a disposizione? Aiutaci a digitalizzare il nostro archivio.

Numero 154 – Guardami questa/questo sono io ultima modifica: 2021-06-22T14:42:14+00:00 da Redazione