Patrizia, sessantenne, è vedova e abita con Giorgio, l’ultimo dei suoi figli, che ha 33 anni e un ritardo mentale dovuto alla sindrome di Williams. Uno ombra dell’altra, dalla periferia vesuviana ogni giorno si recano a Napoli per le varie attività che Giorgio frequenta. Patrizia ha un grosso peso nel cuore su cui ragiona e dibatte insieme a chi le è più vicino e con il figlio stesso: Giorgio, che non ha mai dato un bacio, mai avuto una relazione affettiva, da qualche tempo chiede a sua madre di poter pagare l’amore di una delle donne che incontra per strada nel tragitto quotidiano. Da qui li seguiamo, in un percorso esteriore attraverso le strade e gli edifici di una Napoli sempre carica di vita, e uno interiore di grandissimo spessore umano che travalica la storia dei singoli protagonisti: è il primo, il più bello, dei quattro film documentari Il corpo dell’amore disponibili su Rai Play, dedicati al difficile ma importante tema dell’affettività e della sessualità nella disabilità. La storia, vera, di Patrizia e di Giorgio è sapientemente raccontata dagli autori, Monica Repetto e Pietro Balla nella serie prodotta da Deriva Film; il loro tratto come nelle altre tre puntate non tace gli aspetti importanti, spinosi e intimi, e li narra senza violare le persone, tutte reali, coinvolte. La voce partecipe di Enrica Bonaccorti aggiunge calore a un progetto che non semplifica l’inevitabile complessità dei singoli casi. Il tema è scomodo, quasi scandaloso: una vera e propria barriera mentale si erge nell’affrontarlo. Qui le persone con disabilità rivendicano le loro “libertà” cercando di scardinare la convinzione di una disabilità asessuata. Ma libertà sessuale senza relazione affettiva non ci lascia senza interrogativi… Così da vedere è anche il quarto film, dedicato al primo tirocinio per lovegiver in Italia: non avremo risposte definitive ma la riflessione è molto ben avviata.

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n. 149, 2020

Ombre e Luci 149 copertina

SOMMARIO

Editoriale
Se lo diceva Coco Chanel... di Cristina Tersigni

Focus: Moda e disabilità
La rivoluzione copernicana di Lucas di Giulia Galeotti
Quel che l'abito fa di Nicla Bettazzi
Vedersi in vetrina di Cristina Tersigni
Jillian, la divina di Giulia Galeotti

Intervista
Tranquilla e soddisfatta di me stessa di Francesca Cabrini

Testimonianze
Quaranta occhi puntati su di te di Silvia Gusmano

Dall'archivio
Grazie per avermelo fatto fare da sola di Una mamma

Associazioni
Sfilate da sogno di Cristina Tersigni

Fede e Luce
Chi risponde alle domande di Daniela Guglietta

Spettacoli
Il corpo dell'amore di Cristina Tersigni

Rubriche
Dialogo Aperto n. 149
Vita Fede e Luce n. 149

Libri
La nostra casa è in fiamme di Greta Thunberg
Imperfetta di Andrea Dorfman
Che cos'è una sindrome di Giuseppe Colaneri
La bambina morbida di Maria Cristina Toccafondi

Diari
Negozi e pantaloni di Benedetta Mattei
Per le strade di Roma di Giovanni Grossi

Con 2€ al mese riceverai il nuovo numero di Ombre e Luci in anteprima digitale.


Il corpo dell’amore ultima modifica: 2020-02-06T15:18:20+00:00 da Cristina Tersigni
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi