Nutrire talenti

Quel fenomeno splendidamente umano che chiamiamo arte è impossibile da racchiudere in una definizione, come d’altronde l’umano in genere… Come ci ricordano Marta de Rino ed Eleonora Secchi in questo numero dedicato ad alcuni percorsi nell’arte, molto prima di scrivere l’uomo disegnava: riproduceva la realtà che lo circondava, sceglieva materiali con i quali e sui quali lasciare un segno, trasformava pezzi di pietra o di legno in oggetti capaci di trasmettere significati condivisi. Dedicava del tempo per nulla scontato, con nessun’altra apparente utilità pratica, in una dinamica necessaria ma libera. Tutto questo gli consentiva di conoscere sempre più il mondo e se stesso, di capire cosa fosse importante per lui. Il percorso artistico, infatti, esprime un «linguaggio primordiale, alternativo a quello verbale» in grado di sollecitare cuore, mente e anima. Lo associamo spesso solo al talento dell’artista che, con la sua opera, trasmette un messaggio personale e al tempo stesso universale, in un risultato esteticamente condiviso. Ma un percorso artistico è accessibile e consigliabile anche a chi non è dotato di un particolare talento: con o senza disabilità è vivificante occasione di stimolo alla fantasia e alla creatività; richiede non solo improvvisazione ma anche tecnica, metodo e ordine. Aiuta a conoscersi meglio, “vedendosi come dall’esterno” nell’opera creata; per tutti, nei momenti difficili – e questo periodo ci ha sollecitato discretamente – è capace di lasciare emergere vissuti faticosi da esprimere a parole. L’arte è nutrimento per chi guarda e, in una reciprocità spiazzante, chi guarda compie un atto indispensabile all’arte. Se accessibile nella condivisione del patrimonio culturale e artistico, come auspicato nel progetto «Musei per tutti», contribuisce a rinforzare l’individuo e l’appartenenza alla propria collettività. E quando l’arte si fa insieme, lascia fiorire i talenti di ciascuno promuovendo comunità libere e davvero inclusive.

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n. 151, 2020

Copertina_OeL_151_2020

SOMMARIO

Editoriale
Nutrire talenti di Cristina Tersigni

Focus: Viaggio nell'arte
Il linguaggio dell’arte di Marta de Rino ed Eleonora Secchi
Metti da parte la fretta di Gianni Verni
Ferma lo sguardo di Cristina Tersigni
Estemporanea e personale di Giorgiana Tinazzo
Buongustaio dell’arte di Cristina Tersigni

Intervista
Il diritto a un libro vero di Giulia Galeotti

Testimonianze
Forse una ragione c'è di Stefano Nasuti

Dall'archivio
Un pomeriggio chiamato laboratorio di Francesca Polcaro

Associazioni
Museo per tutti di Cristina Tersigni

Fede e Luce
Noi, non io di Serena Sillitto

Spettacoli
Accarezzando insieme l'erba di Enrica Riera

Rubriche
Dialogo Aperto n. 151
Vita Fede e Luce n. 151

Libri
Il cuore è una selva di Novita Amadei
Il chiosco di Anete Melece
Malintesi di Bertrand Leclair
Un'esperienza personale di Kenzaburo Oe

Diari
Caro presidente Sergio Mattarella di Benedetta Mattei
Natura e musica di Giovanni Grossi

Nutrire talenti ultima modifica: 2020-08-08T10:43:44+00:00 da Cristina Tersigni
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi