Newsletter n. 14 – Accelerazioni e frenate
Nazione di nazioni, per dirla con Lyndon Johnson; immensa terra di contraddizioni così profonde che fatichiamo a credere possano convivere nella stessa casa. Invece è ciò che sappiamo succedere da decenni, da quando cioè gli Stati Uniti sono diventati punto di riferimento imprescindibile per tutti – in positivo e in negativo (non necessariamente in alternativa). Luci e ombre emerse anche in questi complessi giorni. Da un lato Netflix ci propone il racconto di un momento che ha segnato la storia della contemporaneità, quando si è finalmente iniziato a pensare che i diritti civili riguardassero anche le persone con disabilità; dall’altro, però, davanti alla crisi scatenata dal covid-19 sono riesplose tutte le ingiustizie e le discriminazioni che vivono indisturbate (o poco disturbate) all’interno degli Usa. Pensiamo a poveri, persone con disabilità, afroamericani, senza fissa dimora…

È Carlo Cinus a presentare il film Crip Camp (2020) ambientato nello sgangherato campo estivo per giovani con disabilità che – lungo la strada per Woodstock – ha innescato un processo storico senza pari. Ancora non concluso, ma comunque ben avviato, modello (con mille varianti) per molti altri Paesi.

Qualche settimana fa invece, quando il covid-19 si è abbattuto sugli Usa, ha fatto discreto rumore la notizia – riportata da Elena Molinari su Avvenire – dei parametri di ordine intellettivo che una decina di stati ha indicato nei criteri guida forniti ai medici per decidere chi attaccare al respiratore; in una parola, a fronte di risorse scarse per una domanda altissima, nessuna cura per le persone con disabilità. Lo sdegno è stato grande (alcuni politici statunitensi hanno poi fatto sentire la loro opposizione), e se qui Laura Coccia – che incontra regolarmente gli studenti nelle scuole – esprime la sua, lo fa aggiungendo allo sdegno una strategia d’azione. Resta comunque l’amara consapevolezza di come la decisione dei 10 stati sia coerente con le politiche che da tempo gli Usa praticano nei confronti delle persone con disabilità. È il caso, ad esempio, ce lo racconta Giulia Galeotti, dei trapianti: le persone con handicap finiscono sempre (se sono così fortunate, da finirci…) agli ultimi posti delle liste dei riceventi.


Per un presente migliore – «Mai come in questo momento riconosciamo il privilegio di vivere in questo posto»: con il covid-19, sono arrivate anche le cronache settimanali dalla casa famiglia Il Carro di Roma. Non ci sono ricette univoche per affrontare la quotidianità in situazioni come quella che stiamo vivendo: ma mentre seguiamo con apprensione le notizie provenienti dalle strutture che accolgono persone con disabilità, le riflessioni suggerite dall’esperienza di vita comunitaria del Carro sono sicuramente utili per provare a costruire un presente migliore.

Da casa – Oggetti di scarto in casa potenziale materia prima per piccole creazioni: sono i suggerimenti, come i tappi di sughero reinventati, di Giada Di Vecchio. Oppure l’iniziativa #intantofaccioqualcosa di Uovonero, Autismo è e Spazio Nautilus tra puzzle, cruciverba, allenamento casalingo e letture in CAA. E se due educatrici e un’insegnante di sostegno hanno lanciato un canale YouTube con storie e curiosità in comunicazione facilitata, anche Federico ci dice la sua.

Polpette di Federico


Il blog di Benedetta

Mi ha telefonato Giuseppe Conte

Mi ha telefonato Giuseppe Conte. Aveva la giacca e la cravatta e il ciuffo come in televisione. Lui mi ha detto proprio queste precise parole: “Cara Benedetta, come stai? Tutto bene?» Continua a leggere…


Prima di salutarvi, una bella notizia: tra i 17 esperti nominati da Conte per programmare la ripartenza dell’Italia, c’è anche Giampiero Griffo, coordinatore del Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. Griffo sarà presto ospite di Ombre e Luci.

Per altre notizie seguici su Facebook e su Twitter.

Immagine di copertina: Crip Camp © Netflix

Si fa internazionale la newsletter, e per la prima volta entra in diretta la voce della politica: apriamo con le luci e le ombre (di ieri e di oggi) degli Stati Uniti verso le persone con disabilità; proseguiamo con il racconto del Carro, casa famiglia capace di reinventarsi durante la quarantena; concludiamo con la telefonata del presidente Conte a Benedetta.

La newsletter di Ombre e Luci

Iscriviti e ricevila ogni quindici giorni

Numeri passati

Sembra ieri – Newsletter Estiva n. 24

SSembra ieri, ma è passato quasi un anno dalla prima newsletter di O&L; un tempo (lungo 24 puntate) pensato anche per accorciare la distanza con voi lettori, passando dai tre mesi della rivista cartacea alle due settimane della NL che state leggendo.Sembra ieri,...

Tutti a scuola? – Newsletter Estiva n. 23

Denunciando la grave emarginazione subita dagli alunni con disabilità o con disturbi dell’apprendimento a cui era proibito l’accesso alla vita scolastica ordinaria, su Insieme n. 4 del 1975 Angela Cusimano rifletteva su come poter migliorare le famigerate classi...

Le nostre gambe – Newsletter Estiva n. 22

Dopo quel lungo pianto, mi sono sentita svuotata di tutto, persa, sola. Ma alla sera presi una decisione»: con parole forti e poetiche insieme, nel 1974 Mariangela Bertolini raccontava il suo passaggio, in un pomeriggio casalingo tra le lacrime, dal buio alla luce di...

L’estate insieme – Newsletter Estiva n. 21

La newsletter regolare si ferma un po' per tornare in autunno con un nuovo formato mensile. Intanto l'archivio del nostro sito continua a viaggiare nel tempo, riportando indietro le lancette addirittura agli articoli precedenti allo stesso Ombre e Luci.È il 1974...

Due passi avanti e uno indietro – Newsletter n. 20

Due passi avanti e uno indietro… – Domande e risposte, chiusure e aperture, orizzonti che si restringono e scenari che si spalancano: dopo mesi diversissimi da come avremmo potuto immaginarli, è esplosa l’estate – così familiare, eppure ancora piena di interrogativi,...

Davanti a due tsunami – Newsletter n. 19

Non è stata facile questa prima metà dell’anno. Al netto delle storie di ognuno e del covid-19, per molti di noi il 2020 aveva già inflitto un terribile sconquasso quando, a febbraio, uscirono i risultati dell’inchiesta su Jean Vanier (che qui Ombre e Luci...

I percorsi più invisibili – Newsletter n. 18

«A me interessa il cinema che riesce a sostenere lo sguardo della diversità in genere e anche della disabilità con tutto quello che questo comporta» così spiega Andrea Romeo, fondatore e direttore artistico del Biografilm Festival, a colloquio con Alessandro De...

Le età della signorina Uffa – Newsletter n. 17

L’analisi – Come tutti, anche le persone con disabilità nascono, crescono e invecchiano, il che significa che (come tutti) anche i loro bisogni, tempi e desideri cambiano negli anni. Ovvio? Purtroppo no: la solita retorica degli eterni bambini, infatti, intrappola chi...

Il gatto sulla cattedra – Newsletter n. 16

L’analisi – Questa volta l’esperta ve la proponiamo noi: forti del suo curriculum (che vanta, tra l’altro, quarant’anni di insegnamento alle medie e trenta di madre di un romanista con disabilità), abbiamo chiesto a Nicla Bettazzi un commento alla lettera inviata al...

Se le immagini parlano più delle parole – Newsletter n. 15

Festival dei Diritti Umani – Avanzando qualche riserva, Cristina Tersigni ci racconta il festival dei Diritti Umani edizione 2020 (Da vicino nessuno è disabile) appena conclusosi a Milano, e trasmesso rigorosamente on-line. Quattro giorni che hanno brillato...

Newsletter n. 14 – Accelerazioni e frenate ultima modifica: 2020-04-24T07:08:15+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi