Desidererei raccontarvi una bella avventura che ho iniziato alcuni anni fa. Nella mia parrocchia (Stella Mattutina, Roma) in genere dopo la cresima i ragazzi possono scegliere se dedicarsi a qualche attività e molti scelgono di insegnare catechismo ai più piccini. Era quello che anch’io desideravo tanto fare. L’unico problema era che avendo io un gravissimo deficit fisico temevo di non essere accettata come catechista. Con molto coraggio, qbbandonando la mia timidezza adolescenziale, proposi la mia idea al nostro parroco e alla signora che organizza tutta la vita di parrocchia. Con immensa sorpresa la mia proposta fu accettatata con entusiasmo e così iniziai con i bambini più piccoli della prima comunione.

Sono riuscita a costruire con molti di loro un cammino che è cominciato con la prima comunione ed è finito con la cresima. È stato bellissimo…

Se ripenso a quanti dubbi e paure avevo! Mi vedevo già rifiutata dai genitori e canzonata dai ragazzini; invece non ebbi nessun problema. Certo ci fu l’iniziale sorpresa ma, messe in chiaro delle semplici regole ossia che non potevo gridare come un’aquila né rincorrerli per farli star buoni, tutto fu facile. Nessuno dei tanti ragazzi che ho avuto ha mai vissuto il mio handicap come un impedimento e ho ricevuto sempre la stima dei genitori dei miei ragazzi. E’ vero che ho dovuto dimostrare innanzitutto a loro e a me stessa di non temerli e anzi di essere sempre pronta al dialogo forse ancora più degli altri miei colleghi. Mi hanno dato tantissime soddisfazioni, non solo per l’apprendimento, ma soprattutto per la maturità e il rispetto che cresceva in essi. Sono riuscita a costruire con molti di loro un cammino che è iniziato con la prima comunione ed è finito con la cresima. E’ stato bellissimo vederli crescere e passare da bambini ad adolescenti; spero che manterranno un buon ricordo di tutte le esperienze che abbiamo fatto insieme. Non è che i miei ragazzi siano dei geni particolari, appunto per questo li apprezzo ancora di più.
Provo lo stesso entusiasmo ogni volta che inizia il ciclo con una classe nuova, come avvenne per la prima tanti anni fa. La mia esperienza è un modo per dimostrare che anche un disabile può essere un educatore né migliore né peggiore di tanti altri. La convinzione che i bambini non abbiano rispetto per un catechista handicappato va combattuta perché falsa. Da qui la grande responsabilità delle famiglie cristiane di insegnare ai propri figli ad accettare questi catechisti un po’ particolari… In questo modo oltre al catechismo impareranno valori fondamentali come la dignità e il rispetto non solo verso se stessi ma anche verso il prossimo.

Gaia Valmarin, 1992

L'archivio di Ombre e Luci

Dossier Catechesi

Oggi le persone con handicap sono sempre di più integrate nella Chiesa. Ma quanti sforzi e quanta speranza sono ancora necessari affinché trovino il loro posto naturale nelle parrocchie e ricevano la vita di Dio... continua

Riflessioni

Al primo posto di Stefano Desmazieres
Pietre di paragone di Padre Joseph Mihelcic s.j.
Abbiamo tutti bisogno dei sacramenti di Padre Luciano Larivera
La tua Parola è per tutti di Lucia Bertolini
Dio non fa differenze di Marie Hélène Mathieu

Percorsi

Catechesi anche per le persone autistiche di Henri Bissonier
Come preparare al sacramento di Paul Gilbert
Confessione di Tana Pelagallo
Il nostro cammino di Tommaso Bertolini
Catechesi facilitata di don Andrea Lonardo
Come rendere viva la messa di Padre Noel Simard

Testimonianze

Temevo di non essere accettata come catechista di Gaia Valmarin
Vieni, spirito di vita di Silvia e Monica
Ho camminato vicino a Marco di Roberta Tarantino
La loro e la nostra cresima di Pietro Vetro
Tenendoci per mano di Luca Dominici
...E aspettò che ci accorgessimo di lui di don Vito Palmisano

 

Altri dossier

Autismo

Chi ha avuto un figlio autistico, chi ha diviso la sua vita insieme ad un ragazzo con questo tipo di problemi, sa. Chi non ha vissuto questa esperienza non può sapere... continua

Noi Papà

Sono spesso criticati o presi in giro dalle mamme per la loro incompetenza nell’accudire un figlio appena nato; sono giudicati severamente dalle mogli più buone quando, invece di rimproverare, si fanno partecipi del chiasso o del disordine al momento di andare a tavola... continua

Temevo di non essere accettata come catechista ultima modifica: 1992-09-14T10:09:16+00:00 da Gaia Valmarin
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi