Numero 148 – L’incontro con la disabilità

Anno 37, 2019 – Trimestrale: Ottobre, Novembre, Dicembre

In questo numero
«Paolina osserva le persone sul tram e pensa che dietro a ognuna ci sta un incontro» scrive Marco Lodoli nel suo ultimo, splendido romanzo (Einaudi 2018). Come Paolina e le sue domande per le strade di Roma, con il focus del n. 4/2019 di Ombre e Luci abbiamo voluto dare voce ad alcuni dei possibili incontri con la disabilità. L’incontro in comunità, nel gruppo di amici, nell’ambito in cui si è scelto di vivere e lavorare, in famiglia: il risultato sono quattro densi racconti di arricchimenti reciproci nella certezza che, come scrive nelle sue memorie Raphael Estrail, sia proprio l’incontro «ciò che conferisce valore alla testimonianza». E se Enza Gucciardo, prima presidente di Fede e Luce Onlus, ripercorre cosa abbia significato il passaggio da associazione a onlus, nella rubrica Testimonianze Nicla Bettazzi commenta lo sguardo sulla persona con disabilità. Giungendo alla conclusione che quello che ancora manca “è lo sguardo naturale, a volte complice, altre sorridente, altre, semplicemente, distratto”. Questo numero inaugura anche – lo ricorda Cristina Tersigni nell’editoriale – il tentativo di Ombre e Luci di far dialogare tra loro le associazioni legate al mondo della disabilità. Si inizia con l’Unitalsi, attraverso il ricordo di Amelia Mazzitelli, a lungo vice presidente nazionale, firmato da Serena Sillitto che scrive “gli incontri sono spesso sorprendenti – ci accadono, ci influenzano e ci trasformano.

SOMMARIO

Editoriale
Sconvolti e trasformati di Cristina Tersigni

Focus: L’incontro con la disabilità
La mia caduta da cavallo di Annick Donelli
Quegli anni tra Boston e Chicago di Luca Badetti
Tenera e magnetica di Serena Sillitto
Vittorio e la zia Minni di Maria Novella Pulieri

Intervista
Unica nel suo genere di Cristina Tersigni

Testimonianze
Lo sguardo sulla persona con disabilità di Nicla Bettazzi

Dall’archivio
Per la prima volta lontano da me di Rita Ozzimo

Associazioni
Una breccia nel muro di Cristina Tersigni

Fede e Luce
Chiamare per nome la paura della Comunità Edelweiss

Spettacoli
Non tutto è buio di Claudio Cinus

Rubriche
Dialogo Aperto n. 148
Vita Fede e Luce n. 148

Libri
La straniera di Claudia Durastanti
Who Is My Neighbor? di Amy-Jill Levine e Sandy Eisenberg Sasso
Vite straordinarie 2 di Superabile INAIL
Con occhi di padre di Igor Salamone

Diari
In curva sud di Benedetta Mattei
Mio cugino Paolo di Giovanni Grossi

In questo numero

Vittorio e la zia Minni

Vittorio e la zia Minni

Quando mi è stato chiesto di parlare del rapporto tra mia sorella Flaminia (detta Minni) e mio figlio Vittorio, ho pensato di chiedere direttamente a Vittorio cos’è per lui zia Minni. La risposta è stata: «è un amore e mi piace quando mangia perché gusta». Ecco, se...

leggi tutto
Tenera e magnetica

Tenera e magnetica

Questo articolo avrebbe dovuto scriverlo Amelia Mazzitelli per raccontare il suo approccio con il mondo della disabilità dal suo osservatorio privilegiato di sorella dell’Unitalsi, che ha servito per trent’anni, fino a diventarne Vice Presidente nazionale,...

leggi tutto
Quegli anni tra Boston e Chicago

Quegli anni tra Boston e Chicago

Nel 2007 entrai a far parte nella zona di Boston, in una casa dell’Arca dove quattro conquilini con disabilità intellettive, vivevano con assistenti che, come me, sceglievano di condividerne la vita. Assieme si passeggiava, si scherzava, si pregava, si cucinava, si...

leggi tutto
La mia caduta da cavallo

La mia caduta da cavallo

Un giorno venne Luca, un ragazzo trasferitosi all’Axa, quartiere di Roma Sud, a proporre al mio gruppo post-cresima di formare una comunità nella nostra parrocchia: Fede e Luce, un gruppo rivolto alle persone con disabilità e alle loro famiglie, una comunità...

leggi tutto
Mio cugino Paolo

Mio cugino Paolo

La persona che vedo poco durante l’anno è il mio cugino Paolo, perché vive a Milano, io invece abito a Roma, ho la mia stanza dove sto la maggior parte del tempo. Ho un computer che serve per vedere le foto ed i film, quelli caricati dalle persone che hanno un canale....

leggi tutto
Con occhi di padre

Con occhi di padre

Diario quasi decennale di una cresciuta consapevolezza nell’esser padre di Luna, bambina «senza tempo e senza avverbi»: con lei, che ha una disabilità dovuta alla sindrome di Angelmann, Igor scopre il suo essere padre, necessariamente, consapevolmente, diverso da...

leggi tutto
Vite straordinarie 2

Vite straordinarie 2

Esistenze che cambiano improvvisamente perchè – come inizia il racconto che apre Vite Straordiarie 2. Storie di uomini e donne che non si sono arresi – «le cose brutte succedono quando meno te lo aspetti». Molto diversi tra loro, i ventidue racconti di esistenze da...

leggi tutto
Who Is My Neighbor?

Who Is My Neighbor?

È il terzo libro per bambini firmato a quattro mani da Amy-Jill Levine e Sandy Eisenberg Sasso, scrittrici ebree statunitensi e grandi esperte di parabole (l’una è docente di Studi Neotestamentari, l’altra è rabbina emerita): con i disegni di Denise Turu, in Who Is My...

leggi tutto
Dialogo Aperto n. 148

Dialogo Aperto n. 148

Poterti dire grazie Caro Jean, ho perso ancora una volta un papà, un padre, una guida. Sapevo sarebbe successo ma ora è vero. È vero come le tue parole, i tuoi silenzi, il tuo amore per i piccoli. Il tuo farti piccolo dalla tua grande statura. Devo, dobbiamo molto...

leggi tutto
Vita Fede e Luce n. 148

Vita Fede e Luce n. 148

A tutto campo! Cinque campi in Provincia la scorsa estate! Il campo di Cesenatico ha coinvolto 110 persone, forse un numero elevato, ma che dice la voglia di stare insieme e la bellezza del campo storico per la Lombardia; il campo di Fano è partito da Antonio, un...

leggi tutto
La straniera

La straniera

Era tanto che non ascoltavamo un modo così potente di parlare di disabilità. Che poi il libro sia un memoir, una biografia o un romanzo inventato è del tutto irrilevante. In La straniera (La nave di Teseo, 2019, pagine 285, euro 18), finalista al Premio Strega, la...

leggi tutto
In curva sud

In curva sud

Stefano El Shaarawy è una schiappa. Io lo sapevo già perché ci ho giocato assieme nella mia squadra AS Roma. Ci siamo allenati tanto però sbagliava sempre il passaggio e per questo io non facevo mai gol! Gliel’ho detto pure mille volte! Passa bene! Niente! Che lui è...

leggi tutto
Non tutto è buio

Non tutto è buio

Un festival del cinema, per sua stessa natura, è una manifestazione deputata al piacere della visione. Non vedere è il limite apparentemente insuperabile: vale per il cinema, come per la fotografia. Eppure quest’anno, alla Festa del Cinema di Roma, abbiamo condiviso...

leggi tutto
Una breccia nel muro

Una breccia nel muro

«Più il problema di A. viene spiegato e più riesco a mostrare a chi le sta intorno come potersi relazionare con lei e meno si trova a rimanere sola». Le parole della mamma di A., una bimba di tre anni all’epoca, spiegano molto bene cosa guida l’associazione Una...

leggi tutto
Unica nel suo genere

Unica nel suo genere

«Enza all’anagrafe e questo è già un programma! Mi ritengo infatti un suffisso… mi ritrovo in tante parole: provvid-enza, suffici-enza, val-enza…! Ho 54 anni e sono professoressa al triennio di un liceo scientifico di matematica e fisica, discipline che amo e che mi...

leggi tutto
Chiamare per nome la paura

Chiamare per nome la paura

Il10 marzo scorso la comunità Edelweiss di Messina ha festeggiato i suoi venticinque anni di vita. E lo ha fatto mettendo in scena lo spettacolo Orchestra di Cuori a colori allo scopo di raccontare la trasformazione che ognuno di noi vive entrando a far parte di Fede...

leggi tutto
Lo sguardo sulla persona con disabilità

Lo sguardo sulla persona con disabilità

«Caro Jean, perché, a proposito dei disabili, “lo sguardo tarda a cambiare”? È un cambiamento epocale quello che ci viene richiesto, perché concerne l’idea stessa di umanità» scrive Julia Kristeva. Siamo separati dai muri, risponde Vanier, che ergiamo intorno ai...

leggi tutto
Sconvolti e trasformati

Sconvolti e trasformati

Tra i suggerimenti ricevuti dal questionario online su Ombre e Luci c’è quello di un lettore che ci chiede di far dialogare le associazioni legate al mondo della disabilità: un suggerimento prezioso che in questo numero trova una sorta di puntata zero con l’articolo...

leggi tutto

Sostieni Ombre e Luci

Se ti piacciono i contenuti che pubblichiamo, aiutaci a mantenerli vivi. Basta un contributo, anche piccolo.

Collabora con noi

Hai un computer e un po’ di tempo a disposizione? Aiutaci a digitalizzare il nostro archivio.

Numero 148 – L’incontro con la disabilità ultima modifica: 2019-12-02T14:41:15+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi