Tra i suggerimenti ricevuti dal questionario online su Ombre e Luci c’è quello di un lettore che ci chiede di far dialogare le associazioni legate al mondo della disabilità: un suggerimento prezioso che in questo numero trova una sorta di puntata zero con l’articolo di Serena Sillitto, che conosce molto da vicino le realtà di Fede e Luce e dell’Unitalsi, e che ce le racconta diverse ma interessate all’incontro nella disabilità o nonostante la malattia. Quell’incontro che nella “normalità” si cerca di evitare, che certo è diverso se vissuto da un familiare o da un’amico, che a volte è sconvolgente e rivoluzionario. «Gli incontri sono spesso sorprendenti – ci accadono, ci influenzano e ci trasformano. Così è stato per me l’incontro con la disabilità, ma anzitutto gli incontri con le persone con disabilità, che sono prima di tutto persone… mi hanno condotto negli anni sempre più al cuore dell’umano, influenzando la mia visione dell’ordine naturale e soprannaturale delle cose, le risposte sempre in maturazione alle domande: chi siamo e dove andiamo? Che tipo di società creare? C’è un Dio e, se sì, com’è?».
Ecco, l’idea che qualcosa di così faticosamente accettabile dal punto di vista umano, quale è la disabilità, possa far emergere prospettive e domande sul profondo senso dell’umano, come queste poste da Luca Badetti, mi fa scorgere almeno un po’ della luce che trapela dalla pagina del vangelo di Giovanni sul cieco nato. Se pure non riesco ancora a capire pacificamente che quel cieco era così, dice Gesù ai discepoli, perché si manifestassero le opere di Dio… non posso negare che l’incontro con la disabilità sia davvero capace di mettere in discussione la nostra visione del mondo quando ce ne lasciamo investire e interrogare, e di offrire uno sguardo, anche su noi stessi, sorprendente e trasformante. Occasione di meraviglia che Ombre e Luci non vuole sia persa per nessuno.

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n. 148, 2019

Ombre e Luci n. 148

SOMMARIO

Editoriale
Sconvolti e trasformati di Cristina Tersigni

Focus: L'incontro con la disabilità
La mia caduta da cavallo di Annick Donelli
Quegli anni tra Boston e Chicago di Luca Badetti
Tenera e magnetica di Serena Sillitto
Vittorio e la zia Minni di Maria Novella Pulieri

Intervista
Unica nel suo genere di Cristina Tersigni

Testimonianze
Lo sguardo sulla persona con disabilità di Nicla Bettazzi

Dall'archivio
Per la prima volta lontano da me di Rita Ozzimo

Associazioni
Una breccia nel muro di Cristina Tersigni

Fede e Luce
Chiamare per nome la paura della Comunità Edelweiss

Spettacoli
Non tutto è buio di Claudio Cinus

Rubriche
Dialogo Aperto n. 147
Vita Fede e Luce n. 147

Libri
La straniera di Claudia Durastanti
Who is my neighbor? di Amy-Jill Levine e Sandy Eisenberg Sasso
Vite straordinarie 2 di Superabile INAIL
Con occhi di padre di Igor Salamone

Diari
In curva sud di Benedetta Mattei
Mio cugino Paolo di Giovanni Grossi

Sconvolti e trasformati ultima modifica: 2019-12-02T13:56:52+00:00 da Cristina Tersigni
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi