È attraverso la storia vera di Ernest Lossa, un ragazzo di origine jenish, morto a quindici anni nella clinica psichiatrica di Kaufbeuren nel sud della Germania, che il regista tedesco Kai Wessel ha scelto di raccontare lo sterminio delle persone con disabilità nel film Nebbia in agosto (2016). Una scelta interessante, dunque, è già quella dell’identità del protagonista: Ernest (orfano di madre e con un padre senza fissa dimora) non è un ragazzo con disabilità, ma appartiene a un gruppo nomade oggetto della furia nazista insieme a rom e sinti, il che lo rende comunque – nell’ottica del Reich – un soggetto “tarato”. Interpretato dal bravissimo Ivo Pietzcher, il ragazzino «asociale e ribelle» capisce presto come i suoi compagni di detenzione vengano uccisi sotto la supervisione attenta del gentile direttore della struttura, il dottor Veithausen (interpretato da Sebastian Kock). A lui si deve, tra l’altro, l’invenzione della dieta della fame – «i pazienti moriranno di fame mangiando», spiega tra gli applausi – messa a punto per non destare troppi sospetti riguardo alle cause dei decessi (il brodo di verdure veniva bollito per moltissime ore in modo da perdere ogni tipo di sostanza nutritiva, portando il paziente al deperimento). Tratto dall’omonimo romanzo di Robert Domes, uscito in Germania nel 2008, quello di Wessel è soprattutto un film sulla responsabilità individuale: il piccolo Ernest, cresciuto in strada, non riesce a essere testimone muto di quanto avviene, anche se conosce perfettamente il rischio che corre. E infatti il 9 agosto 1944 viene ucciso. Un film difficile da vedere perché racconta quanto abbiamo fallito come adulti. E quanto invece avremmo potuto fare, anche solo ascoltando i bambini. Con o senza disabilità.

Nebbia in agosto

2016, Germania, 126 min.
di Kai Wessel.
con Ivo Pietzcker, Sebastian Koch, Thomas Schubert, Fritzi Haberlandt, Henriette Confurius.

Speciale Aktion T4

Lo sterminio delle persone con disabilità

Final Account (2020)

Quando a raccontare la Shoah sono gli ex-naxisti

Il regista Luke Holland, mancato pochi mesi fa, è legato alla Shoah dai...
Mai più - per non dimenticare

Mi importa solo come sei ora

«Gente come te non ha il diritto di vivere»: l’operazione T4, e cioè lo...
Un giardino per Ofelia

Un giardino per Ofelia

Pietro Floridia, fondatore nel 1994 del Teatro dell’Argine di Bologna, è...

Quando il buio è totale

Ombre e Luci è la nostra testata, il nostro motto, le tre parole che...

In Memoriam Aktion T4 – La mostra

Inaugurata in occasione dell'undicesimo congresso mondiale di psichiatria...

Zavorre e I prescelti

In anni recenti due editori italiani hanno tradotto volumi estremamente...

Ausmerzen: Vite indegne di essere vissute

Se già lo conoscete e lo avete visto sapete di cosa stiamo parlando. Se...

Il piccolo Adolph non aveva le ciglia

Nel 1997 Grete festeggia ottant’anni e una vita in apparenza felice e...
Giornata della memoria

27 gennaio – Giornata della Memoria

74 anni fa, l’apertura dei cancelli del campo di concentramento di...
I bambini di Asperger

I bambini di Asperger

Il nome di Asperger è legato ad una parte delle diagnosi legate allo...

La newsletter

Ogni mese inviamo una newsletter
Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.
Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Il blog di Benedetta

Un nuovo post ogni mese

L'archivio di Ombre e Luci

Nebbia in agosto ultima modifica: 2020-01-22T13:53:05+00:00 da Giulia Galeotti

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.