Nel 1997 Grete festeggia ottant’anni e una vita in apparenza felice e ricca di affetti. Qualcosa però le impedisce di gioire davvero: è il ricordo del suo biondo e amatissimo figlio, sottrattole con l’inganno perché diverso, anche grazie alla fattiva collaborazione del marito di allora, alto esponente dell’aristocrazia hitleriana. È splendido Il piccolo Adolph non aveva le ciglia (Rizzoli 1998; Einaudi 2007) della scrittrice tedesca naturalizzata italiana Helga Schneider, che ripercorre la lunga e travagliata vita di Grete. L’infanzia felice come figlia di un bottegaio, il lavoro di impiegata alla Gestapo, il matrimonio con Gregor che le permette il salto sociale, la gioia della gravidanza, la sensazione – poi diventata certezza – che suo figlio abbia qualche seria difficoltà. Quindi, l’incubo: la separazione forzata, e poi la disperata ricerca. Grete non vuole arrendersi: l’inflessibile coniuge la farà ricoverare in una fantomatica clinica psichiatrica, che in realtà – scoprirà la donna ben presto – è uno dei tanti luoghi apprestati per l’eliminazione “dei pesi morti della nazione”, secondo Gregor “una disposizione estremamente progressista che in futuro sarà imitata da molti altri Paesi”. In appendice al romanzo – nato da un’intervista raccolta dall’autrice in Germania nell’autunno del 1966 – Schneider scrive che “anziché proteggere i più deboli, il governo di Hitler perpetuò il loro sistematico sterminio. Al contrario la Germania nazista promulgò una severa legge, contro la vivisezione e l’uccisione delle specie animali protette”. E l’ultimo bambino vittima del programma di eutanasia nazista “venne ucciso il 29 maggio del 1945”, malgrado le truppe americane fossero ormai nelle immediate vicinanze.

Acquista questo libro in uno dei siti del circuito Helpfreely.

Se sei iscritto, una percentuale del tuo acquisto verrà donata a Fede e Luce. (Scopri di più)

Ecco dove puoi trovarlo:

Speciale Aktion T4

Lo sterminio delle persone con disabilità

Final Account (2020)

Quando a raccontare la Shoah sono gli ex-naxisti

Il regista Luke Holland, mancato pochi mesi fa, è legato alla Shoah dai...
Mai più - per non dimenticare

Mi importa solo come sei ora

«Gente come te non ha il diritto di vivere»: l’operazione T4, e cioè lo...
Un giardino per Ofelia

Un giardino per Ofelia

Pietro Floridia, fondatore nel 1994 del Teatro dell’Argine di Bologna, è...

Quando il buio è totale

Ombre e Luci è la nostra testata, il nostro motto, le tre parole che...

In Memoriam Aktion T4 – La mostra

Inaugurata in occasione dell'undicesimo congresso mondiale di psichiatria...

Nebbia in agosto

È attraverso la storia vera di Ernest Lossa, un ragazzo di origine...

Zavorre e I prescelti

In anni recenti due editori italiani hanno tradotto volumi estremamente...

Ausmerzen: Vite indegne di essere vissute

Se già lo conoscete e lo avete visto sapete di cosa stiamo parlando. Se...
Giornata della memoria

27 gennaio – Giornata della Memoria

74 anni fa, l’apertura dei cancelli del campo di concentramento di...
I bambini di Asperger

I bambini di Asperger

Il nome di Asperger è legato ad una parte delle diagnosi legate allo...

La newsletter

Ogni mese inviamo una newsletter
Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.
Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Il blog di Benedetta

Un nuovo post ogni mese

L'archivio di Ombre e Luci

Il piccolo Adolph non aveva le ciglia ultima modifica: 2019-12-22T14:26:46+00:00 da Giulia Galeotti

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.