Mi importa solo come sei ora

«Gente come te non ha il diritto di vivere»: l’operazione T4, e cioè lo sterminio delle persone con disabilità messo a punto e praticato dal nazismo, fa capolino anche nello splendido Mai più. Per non dimenticare (Giunti 2020, traduzione di Angela Ragusa), primo libro a fumetti di R.J. Palacio, autrice della saga di Wonder.

Sara, la protagonista, vive felice con i genitori in un villaggio nel cuore della Francia finché non arriva il nazismo a sconvolgerne per sempre l’esistenza. Prima sono piccole esclusioni, poi la marea cresce, quindi le SS irrompono a scuola per prelevare tutti gli studenti ebrei come lei. La ragazzina riesce però a dileguarsi: a salvarla, nascondendola per oltre un anno nel fienile di casa, sarà il compagno di classe bullizzato e scansato da tutti. Soprannominato Tourteau, granchio, a causa della sua andatura claudicante dovuta alla poliomielite, nessuno ne conosce in realtà il nome di battesimo, tanta è l’indifferenza e l’esclusione che caratterizza le sue giornate a scuola. Nemmeno Sara sa come si chiama davvero quel compagno di classe che le siede accanto da anni, a cui non ha mai dedicato nemmeno uno sguardo.

L’operazione T4 è appena accennata nel libro, e viene evocata quando Vincent – il bullo della classe, dapprima solo simpatizzante delle SS e poi arruolato nella milizia – aggredisce Julien nel fienile, dicendogli la frase che rivela la sua conoscenza del programma («Lo sai che fanno, i nazisti, agli esseri inferiori? Li sterminano»). E poi Julien ne sarà effettivamente vittima, a causa della sua “imperfezione” fisica.

Anche se in Francia non vi fu strettamente una politica equivalente al programma T4, si stima che, durante la Seconda guerra mondiale, 45mila pazienti di vari manicomi e ospedali siano stati lasciati morire di fame o di incuria. Nel Paese è ancora oggetto di dibattito tra storici e accademici se ciò abbia fatto parte di un programma eugenetico del governo di Vichy o sia accaduto spontaneamente per mano di medici immorali.

È un passato fatto di omicidi e violenze quello che Sara ormai nonna racconta a suo nipote (il cui nome sarà, come già quello di suo padre, Julien, il nome vero di Tourteau che la ragazzina aveva scoperto solo vivendo nel fienile). Ma è anche un passato che insegna – ieri come oggi – quanto la gentilezza e il coraggio possano cambiare il mondo.

E insegna anche che, se lo si vuole, a volte si può rimediare agli errori commessi. «La verità – dice Julian alla sua nuova amica nel fienile – è che non importa com’eri prima. Importa solo come sei ora». Un messaggio, scrive Ruth Franklin nella postfazione, in cui «tutti possono riconoscersi: chi di noi non è, prima o poi, stato semplice spettatore della sofferenza di qualcun altro? Per noi la posta in gioco non è alta come per Sara e Julien, però non sappiamo quando le cose potrebbero cambiare. Se non possiamo cancellare il dolore che abbiamo causato, possiamo però agire diversamente in futuro». Perché, come gli spiega sua nonna, «non sono i nostri errori a definirci ma quel che facciamo dopo aver imparato da essi».

In chiusura del libro, la nonna Sara prende in mano un quotidiano: «800 bambini separati dai genitori in seguito alla politica di tolleranza 0 di Trump»; «Incremento globale di antisemitismo e islamofobia»; «Negato asilo ai rifugiati». Parrebbe che tutto sia rimasto com’era, che la caccia al diverso sia rimasto lo sport più diffuso. Che agli ebrei, le persone con disabilità, gli omosessuali e i rom di ieri sono seguiti i migranti sui barconi, i bambini separati dai genitori al confine e i poveri di oggi. Eppure, per le strade di questi anni Duemila, c’è un ragazzo che marcia portando un cartello su cui c’è scritto «Mai più. #PerNonDimenticare». Non tutto è passato invano.

Acquista questo libro in uno dei siti del circuito Helpfreely.

Se sei iscritto, una percentuale del tuo acquisto verrà donata a Fede e Luce. (Scopri di più)

Ecco dove puoi trovarlo:

Mai più - per non dimenticare

Mi importa solo come sei ora

«Gente come te non ha il diritto di vivere»: l’operazione T4, e cioè lo...
Un giardino per Ofelia

Un giardino per Ofelia

Pietro Floridia, fondatore nel 1994 del Teatro dell’Argine di Bologna, è...

Quando il buio è totale

Ombre e Luci è la nostra testata, il nostro motto, le tre parole che...

In Memoriam Aktion T4 – La mostra

Inaugurata in occasione dell'undicesimo congresso mondiale di psichiatria...

Nebbia in agosto

È attraverso la storia vera di Ernest Lossa, un ragazzo di origine...

Zavorre e I prescelti

In anni recenti due editori italiani hanno tradotto volumi estremamente...

Ausmerzen: Vite indegne di essere vissute

Se già lo conoscete e lo avete visto sapete di cosa stiamo parlando. Se...

Il piccolo Adolph non aveva le ciglia

Nel 1997 Grete festeggia ottant’anni e una vita in apparenza felice e...
Giornata della memoria

27 gennaio – Giornata della Memoria

74 anni fa, l’apertura dei cancelli del campo di concentramento di...
I bambini di Asperger

I bambini di Asperger

Il nome di Asperger è legato ad una parte delle diagnosi legate allo...

L'archivio di Ombre e Luci

Mi importa solo come sei ora ultima modifica: 2020-06-17T12:31:14+00:00 da Giulia Galeotti
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi