Veramente gentili alla Cooperativa Terra Gaia: “…per essere da noi alle 14 come concordato dovrebbe saltare il pasto, venga un po‘ prima e mangi con noi, cuciniamo bene!”. Contenta, più perché mi sembra il modo migliore per conoscere tutti ed evitare la freddezza di una visita guidata che per altro, parto in macchina affrontando le tangenziali milanesi alla volta di Gessate.
Mi accoglie una persona vestita da cuoco – ovviamente – che inizia subito molto volentieri a rispondere alle mie domande, illustrandomi le foto di presentazione che ornano l’ingresso.
Più tardi, a tavola, l’atmosfera è molto conviviale e fraterna, l’accoglienza è calorosa.

La Cooperativa è nata nell’89 con lo scopo di avviare al lavoro persone con disabilità tali da rendere molto problematico il loro inserimento in un contesto lavorativo tradizionale. Sono partiti in tre amici con la passione per la cucina appoggiandosi ad una piccola struttura a Gorgonzola. Nel 2000 hanno inaugurato questo nuovo capannone moderno e molto bene attrezzato, che hanno acquistato con parziali finanziamenti della Fondazione Cariplo.

Attualmente (nel 2003, ndr) vi lavorano 7 persone di cui, come cuochi, 3 disabili. A Settembre dovranno assumere altre due persone perché apriranno un self Service al piano speriore. Hanno molti debiti da pagare e pensano di poter sfruttare il momento a loro favorevole poiché sono molto competitivi, in grado di differenziare le offerte (dal servizio mensa per le scuole, al catering per i matrimoni più esclusivi), sempre con un rapporto ottimale qualità/prezzo.

Ovviamente io sono interessata soprattutto alle occasioni di lavoro che offrono a persone con difficoltà psico-fisiche. Mi spiegano, allora, che la loro è una cooperativa di lavoro, che deve produrre un reddito ed è soggetta ai vincoli economici di una qualunque impresa. Il personale deve avere un buon grado di autonomia, perché quando si lavora, si lavora. Non è tanto il tipo di handicap che fa la differenza, quanto la gravità dello stesso.

Loro accolgono soprattutto persone segnalate dal SIL, (servizio di inserimento al lavoro) delle ASL. Questo servizio prevede, per chi ne fa domanda, un incontro conoscitivo del soggetto, in cui vengono valutate le potenzialità e le aspettative e poi una serie di stages presso cooperative di lavoro come questa (ve ne sono molte in Lombardia). In questa fase lo stagista (che gode di una borsa-lavoro) e i responsabili della cooperativa sono affiancati dagli psicologi del SIL che valutano i progressi e suggeriscono strategie per superare le difficoltà. Al termine del percorso, che prevede l’inserimento in realtà sempre meno protette, il soggetto sarà in grado di essere occupato in un contesto lavorativo “normale”.

Attualmente i camerieri impiegati nel servizio di catering sono quasi tutti volontari; è auspicabile che, almeno con l’avvio del nuovo self-service, sia possibile inserire qualche disabile più grave.

Elisabetta de Rino, 2003

Mille pasti al giorno alla Cooperativa Terra Gaia ultima modifica: 2003-09-03T17:11:29+00:00 da Elisabetta De Rino

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.