Sono appena stata al concerto di Umberto Tozzi e Raf. Che non è Ron. Il concerto è stato bellissimo ma ora ho tanto sonno perché è finito a mezzanotte fonda. Mi piace quando torno a casa tardi. Il concerto è stato pure più di bellissimo. Mi sono divertita tantissimo. Ho cantato e ballato e meno male che avevo la bottiglietta con l’acqua perché non avevo più voce. Mi sono alzata dal mio posto e sono andata al palco e così ho salutato Tozzi e Raf che mi hanno salutata e si sono messi a ridere. Io conosco le canzoni di Tozzi e le ho cantate e ballate tuttissime. Per questo sono andata da loro. Io canto sempre e so tutte le parole di “Tu”, Gloria manchi tu nell’aria”, “Ti amo” dove c’è la signora che stira, “Notte rosa”, “Io camminerò”, “Stella stai” che mi piace soprattutto quando dice “scivolo scivolo scivolo scivolo scivolo” tantissime volte. La canzone più bella è “Tu” quando dice “ragazza triste canterò la pioggia perché venga giù il vento che si calmi un po’ Il cielo perché sia più blu e mi sorrida tu”. Io ho inventato tutte le mosse come la coreografia di quando faccio ginnastica ritmica. Al concerto mi dicevano che ballo bene e come faccio a sapere tutti i tesi di Tozzi a memoria. Ma io ascolto le canzoni in macchina e faccio tante prove. È divertentissimo. Mi sono arrabbiata quando hanno cantato le canzoni che non conoscevo. Raf è bravo e belloccio ma io non conoscevo le sue canzoni anche se ero già stata al concerto di Tozzi e Raf. Mi piacciono quelle dove si balla e quella che dice “sei la più bella del mondo” perché io dicevo “che sono io, Benedetta!”. Ora ho i biglietti per il concerto di Baglioni. Una cosa che non mi è piaciuta è il panino che abbiamo comprato al bar dove c’è il concerto. Faceva schifo.

Poi mi sono divertita pure alla partita di calcio nello stadio della Lazio, giocava la squadra di Papa Francesco. Io sono entrata in campo per mano con l’arbitro che era Ciro Immobile. Lui è molto bello però mi ha detto che è sposato e non vuole lasciare la moglie. Peccato. C’era un’aquila molto grande e io avevo paurissima quando si muoveva. Ho fatto tifo per tutti e dopo la partita sono andata a giocare a pallone pure io che gioco nella As Roma. Mi dicevano se ero diventata della Lazio ma non lo so, io voglio giocare con tutti gli altri e fare gol.

Il blog di Benedetta

Altri articoli dal blog

Le ho cantate tuttissime ultima modifica: 2021-11-29T14:13:33+00:00 da Benedetta Mattei

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.