Ogni mamma e ogni papà vivono con trepidazione e spesso con angoscia il futuro del proprio figliolo handicappato, soprattutto quando i capelli si fanno bianchi.
E’ un problema grosso e non è certo scrivendo un giornalino che si può risolvere. Ne siamo coscienti.
Ci ha spinto a questo passo, proprio il fatto che tutti ci interpellano: i genitori più dinamici e quelli più rassegnati, i più giovani e i più anziani. Vorremmo avere una risposta concreta, pronta, qui sul tavolo: qualche indirizzo, qualche casa, qualche comunità. Purtroppo non c’è quasi niente…
Allora?
Armati di buona volontà, siamo andati a cercare qua e là per l’Italia qualche «modello» da proporvi come esempio, sia per come è sorto, sia per come è strutturato e gestito.
Lo scopo?
Volevamo dare una traccia, una pista da seguire. Nel momento attuale ci pare che solo rimboccandoci le maniche, a piccoli gruppi di genitori, qualcosa possa cominciare. Si tratta di aver fiducia, di lottare — ancora una volta — per preparare i figlioli, per gettare le fondamenta, per trovare la formula giusta e più adatta al proprio figliolo: non tutto è buono per tutti.

Quello che importa e che ci pare giusto ricordare, con discrezione ma anche con forza, è:

    • non si può aspettare troppo tempo per trovare una soluzione;
    • non si può aspettare che lo «Stato» ci pensi; se ci saranno dei progetti validi, delle proposte chiare e ben studiate, forse lo Stato aiuterà…
    • non si può immaginare che la soluzione venga trovata dagli altri e per di più gratuitamente. Ogni genitore può e deve mettere la sua pietra perché la casa venga su…

Questo numero di Ombre e Luci vuol essere un primo mattone. Di parole, direte voi. E’ vero, ma sono parole scritte con il cuore, parlano di chi è riuscito a mettere in piedi qualcosa di valido, vogliono dirvi l’affettuosa partecipazione nostra e, speriamo di altri, a una realtà che scotta, che non fa dormire…
Sono parole che vogliono dirvi: coraggio! mettiamoci al lavoro. Ombre e Luci cercherà di dare una mano a chi, con vigore e realismo, vorrà prendere il piccone in mano. L’aiuto potrà essere di consigli, idee, indirizzi di realizzazioni già in atto, diffusione di progetti o di richieste, ecc.
Affidiamo al Signore il nostro sogno comune e chiediamogli di farlo diventare realtà.

Mariangela Bertolini, 1985

 

“Una pietra dopo l’altra, alto arriverai”

Qualche pietra (o consiglio)… pensato soprattutto per i genitori di figli con handicap medio-lieve

Bisognerebbe avere una visione realistica e più serena possibile riguardo il “futuro”: sia rispetto alla propria morte, sia rispetto alla sistemazione del figliolo; meglio parlarne che creare un “tabù”; la persona debole nell’intelligenza accoglie meglio la verità che la tensione o la preoccupazione.

Bisognerebbe aiutare il figlio o la figlia handicappata ad assumere con coscienza i propri limiti, parlandone insieme, sdrammatizzandoli e mettendo invece in valore le capacità. Prenderanno via via fiducia in se stessi se sentiranno che si ha fiducia in loro.

Bisognerebbe aiutarli a raggiungere la massima autonomia: toilette, vestirsi, mangiare di tutto (anche per loro, come per gli altri figli, esistono i capricci…), le buone maniere, la cortesia, saper chiedere per piacere, scusa…

Bisognerebbe spronarli a vivere con persone diverse dai famigliari per qualche ora, poi per una giornata, poi per un week-end…; favorire l’amicizia con altri giovani della loro età.

La lista potrebbe continuare: esortiamo i genitori a dialogare con noi in proposito, a dirci quel che ritengono giusto o sbagliato o difficile da mettere in pratica.
La vita comunitaria va preparata presto per facilitare il compito a chi un giorno dovrà sostituire voi.

Redazione, 1985

Questo articolo è tratto da:
Ombre e Luci n.11, 1985

Sommario

Editoriale

Casa famiglia»: sogno o realtà? di Mariangela Bertolini

Altri articoli

Come sogni il futuro di tuo figlio risposte di diversi genitori
Cascina Nibai - Cooperativa Fraternità di Redazione
Villa Olmo - Sette ragazze e una suora di Nicole Schulthes
Villa Pizzone - Il cancello aperto di Redazione
La Casa di Gino - Una colonia agricola di Redazione
La sfida dell'Arca di Jean Vanier

Rubriche

Vita di Fede e Luce - Ora comincia il bello di Nanni

Casa famiglia: sogno o realtà? ultima modifica: 1985-09-30T11:57:59+00:00 da Mariangela Bertolini
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi