Oggi sono andato dal parrucchiere. C’era Giorgio, il ragazzo di bottega, si diceva un tempo. Come sempre mi ha salutato con affetto, mi ha fatto una delle sue dichiarazioni da esperto di calcio, o meglio, da esperto della Roma. Giorgio è affetto da sindrome di Down. Io non so perché si dica “affetto da sindrome di Down”. Affezione significa malattia e sindrome, concorso di sintomi che caratterizzano una malattia. Ma Giorgio non si è ammalato, non si può curare, non può guarire. E inutile cercare una eziopatogenesi. Di lui ci si può solo prendere cura perché ha una mancanza: Giorgio è nato con un difetto congenito, è nato così. Va solo amato come si devono amare tutti gli esseri umani nati da donna.

Ombre e Luci, due belle parole. Messe insieme fanno pensare a quei primi mesi di vita nei quali il neonato percepisce la realtà umana di chi gli sta intorno attraverso luci e ombre. Ma non solo: egli sente l’altro da sé con il suo… vogliamo chiamarlo senso interno? Queste percezioni, ammantate da sensazioni, diverranno la sua identità umana più profonda. Succede, a volte, che in questo primo periodo il bambino perda la speranza con cui è nato, che si ammali, che il suo pensiero si ammali, che la sua mente si ammali.

Nato sano il bambino si ammala. E quindi si deve cercare la causa della malattia, curarlo affinché possa guarire. Scoperta la causa della malattia si può fare in modo che “l’agente patogeno” che ha dissociato — il suo pensiero, che gli ha tolto la speranza negli esseri umani, che ha fatto ammalare la sua mente, abbia un volto, un nome. lo mi occupo di stampa da tanti anni, a volte succede che parli un po’ con le persone che si occupano della rivista. Succede a volte che parli con loro dei contenuti di Ombre e Luci, per esempio di questa brutta cosa di dare gli psicofarmaci ai bambini solo perché sono un po’ vivaci o sono sottotono.

Io mi occupo di stampa da tanti anni ma penso di conoscere la differenza tra chi è nato con una mancanza e chi, invece, nato sano, poi si è ammalato a causa di continue delusioni nei rapporti interumani.

lo mi occupo di stampa e quindi non sono un medico o un esperto del settore ma non posso credere che un calmante o un eccitante, perché è questo che sono gli psicofarmaci, possano ridare ad un bambino la calma perduta nella delusione, la gioia di vivere e la fiducia negli esseri umani.

Io mi occupo di stampa da tanti anni, e sono contento di lavorare per delle persone che dedicano la loro vita ad altri esseri umani più sfortunati di me, di noi.

Gian Carlo Zanon
direttore tecnico della Tipografia Quintily, 2007

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.92

Sommario

Editoriali

Una grande famiglia di M. Bertolini
Con tutto il cuore di M.H. Mathieu

Articoli

La grande famiglia
San Francesco, l'Arca e Fede e Luce di J.Vanier
Né lui né i suoi genitori di C. M. Martini
Dedicato alle namme e ai papà , di A. M. Cosmai
E se Gesù ci scrivesse oggi...
Maria: storia illustrata
Alla scoperta della redazione di Ombre e Luci! di C. Ventura
...e non siamo soli! di C. Ventura
Ti ricordi di Nicole? di T. Cabras, N. Livi, M. Sluthes
Ammalati... di affetto di G. C. Zanon
Una redazione in... condominio di M. e G. Rossi
Noi, dei piani di sopra di O. Gammarelli

Dialogo aperto

Dialogo aperto

Ammalati… di affetto ultima modifica: 2007-12-10T17:39:20+00:00 da Redazione

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.