La seconda occasione – Recensione libro

Una madre, un figlio, una famiglia come ce ne sono tante, con i piccoli grandi riti che scandiscono le giornate della gente comune. Ma l’imprevisto, piombato come un fulmine dentro il nucleo famigliare, disintegra ogni prospettiva di normalità travolgendo ogni progetto, ogni desiderio, annullando in un solo colpo l’idea del futuro. Stefano, il protagonista, ha soltanto diciassette anni quando è costretto ad affrontare una prova durissima, ad accettare una sfida da cui vorrà uscire vincitore.

Con questo romanzo fermo e asciutto eppure pervaso da un intima, segreta commozione, Carla Cerati ci consegna una storia che non le appartiene in prima persona, ma da cui si è fatta silenziopsa testimone. Una storia semplice di amore e coraggio che, raccontata da una scrittrice rigorosamente laica, ci costringe a riflettere sull’importanza della fede e di sentimenti come la solidarietà e l’altruismo.

– Redazione, 2001

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.76

Copertina Ombre e Luci numero 76, 2001 - Un natale difficile

Sommario

Editoriale

E si accende una stella di M. Bertolini

Articoli

La lezione di un clown di M.T. Mazzarotto
La Locanda dei Girasoli di Redazione
Per un Natale con qualche cosa in più di H. Pott
La Comunità “Il Roveto” di M. T. Mazzarotto
Un dono di poesia a cura della Comunità il Roveto
Noi quattro: la comunità "il Roveto" di Redazione
Famiglie: una riflessione di Padre Roberti di Padre Roberti
Stelle d’oriente di
Novità per l'handicap di Redazione
Lo straniero di Redazione

Rubriche

Dialogo aperto

Libri

La seconda occasione, Carla Cerati
La ragazza delle lumache, Carla Cerati
Inno alla vita, Erika Gazzola
Nessuno bambino nasce cattivo, Fabrizio Mori

La seconda occasione – Recensione libro ultima modifica: 2001-12-25T11:07:07+00:00 da admin

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.