Maria e i delfini

I delfini possiedono veramente la capacità di aiutare a far fronte ad alcuni gravi disturbi psichici, quali l’autismo e la depressione?
Da qualche anno, il delfinario di Rimini accoglie – in periodi e orari determinati e sotto la direttiva di personale specializzato – bambini autistici e persone con gravi depressioni.
L’idea di far nuotare queste persone in compagnia dei delfini è venuta, per caso, quindici anni fa, negli Stati Uniti. E’ apparso, infatti, da subito, che questi animali intelligenti, amanti del gioco e amici dell’uomo, con la loro presenza, i loro movimenti, il loro approccio, avevano un effetto benefico sulle persone in grave situazione di isolamento e di tensione.
Questa osservazione ha portato a mettere in atto e a sviluppare questa pratica e le nuove osservazioni continuano a confermare le prime impressioni. Perché?, Come mai? In che modo?

Nessuno sa ancora spiegare con precisione che cosa accade tra i delfini e le persone in difficoltà; ma l’effetto di distensione, la sensazione di benessere, l’impressione di rivitalizzazione sembrano elementi validi per sussidiare terapie generalmente difficili.
Maria è andata a Rimini a nuotare con i delfini. Maria, 23 anni, è molto chiusa nel suo autismo e sembra costantemente in preda alla tensione e alla paura, che la portano spesso a crisi di urla e di auto-aggressività.
Ci son voluti tre giorni a Maria per entrare nel bacino con i delfini. Sa nuotare da molto tempo, ma…la novità, le paure, qualche cos’altro…aveva bisogno di tempo.

Finalmente, la mano tesa, lo sguardo fisso, e poi il tuffo in mezzo a quegli enormi animali, potenti ma dolci, graziosi e divertenti. Maria è entrata nell’acqua con loro e ha nuotato.
L’impressione di distensione prolungatasi al di là delle “nuotate” fa pensare che la presenza dei delfini aiuti ad aprire delle piccole porte, a oltrepassare dei piccoli (ma immensi) ostacoli.
Le esperienze e le osservazioni future permetteranno, forse, col tempo, di spiegare ciò che. per ora, possiamo solo indovinare e intravedere.

Nicole Schulthes, 1998

Ombre e Luci n.62, 1998

Sommario

Editoriale

Aspettate, arrivo! di M. Bertolini

Creatività in teatro

Cirano insegna di M.T. Mazzarotto
Teatro in piazza di M.T. Mazzarotto
Teatro in un gruppo Fede e Luce di B. Dinale
Teatro privato di B. Dinale

Creatività

Maria e i delfini di N. Schulthes
Approfittiamo delle vacanze per imparare
Sull'Himalaya di N. Schulthes
Creatività al servizio dell'handicap

Altri articoli

Per i bambini: Alice

Rubriche

Dialogo aperto
Vita Fede e Luce

Libri

Giulia non è bella, Mary Rapaccioli
Fiorangela - Un inno alla vita, Gesuina Bergamaschi
Se mi vuoi bene, dimmi di no, Giuliana Ukmar

Maria e i delfini ultima modifica: 1998-06-17T08:50:12+00:00 da Nicole Schulthes
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi