In quest’opera Jean Vanier pone il problema dell’amore e della sessualità ad un livello molto profondo. Qual’è il senso della vita della persona handicappata? A quale fecondità può essere chiamata? Come accompagnarla e sostenerla, sia nel celibato che nel matrimonio? L’autore non offre facili soluzioni, ma sottolinea l’importanza di una vera educazione, che spesso passa per la sofferenza, per giungere ad una liberazione, una pace, un’unità interiore. L’autore ha una grande esperienza poiché da vent’anni vive quotidianamente con adulti handicappati mentali ed è all’origine di 67 comunità dell’Arche nel mondo. Il suo linguaggio è quello di un cristiano; non c’è per lui rottura tra il Vangelo e l’espressione dell’essere umano quando grida le sue richieste.
I lettori presentiranno il contenuto e lo spirito del libro leggendo i titoli dei capitoli che presentiamo qui sotto:
II cuore ferito
Educazione ed esigenza
La relazione dell’uomo e della donna
Un luogo per il cuore
La comunità, luogo dell’integrazione della sessualità
Il celibato vissuto in comunità
L’unità nel matrimonio
La fecondità e l’accoglienza della morte
La celebrazione dell’unità

Uomo e donna li fece. Per una vita d’amore autentico ultima modifica: 1985-06-27T21:17:23+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi