Quando le viene diagnosticato un tumore, Maria Grazia, medico e autrice del libro, come prima cosa pensa a suo figlio Matteo. Matteo è autistico, in una forma che lo rende ipersensibile ad ogni dettaglio che lo circonda e ossessionato dal minimo cambiamento. Come potrebbe reagire alla nuova quotidianeità che irromperà in famiglia? Con grande forza d’animo e accompagnata dalla sua profonda fede, Maria Grazia non si lascia deprimere dalla malattia, anzi. Trae energia dai gesti sorprendenti del figlio, rivelatosi più una risorsa che un peso, e ci descrive con parole semplici le giornate divise tra la chemioterapia e le faccende domestiche. In queste righe si sente la sua lunga esperienza scientifica e umana, ma ciò non trasforma il libro in un mattone filosofico.

Proprio come nelle favole di una volta, di fronte alle difficoltà della vita forse dovremmo riscoprire un po’ di quella “magia” che può fare tanto per noi. Anche regalarci un lieto fine.

Dossier Autismo

La lezione del femminismo di Nicla Bettazzi
Un altro anno di Giovanni Grossi
Bicoca's Got talent di Giovanni Grossi
Alla fine qualcosa ci inventeremo di Redazione
Con loro ci sto bene di Giovanni Grossi
L'emozione non ha voce di Redazione
Mamma ti posso parlare di Redazione
Ora che sto per diventare mamma di Maria Paola Tosti
Momenti difficili di Pennablu
Che senso ha la vita di Paolo? di Maria Amelia
Un panorama da riscoprire di Tommaso Bertolini
Nicola Pintus e il progetto Filippide di Huberta Pott
Autismo e integrazione scolastica di Davide Del Duca

Mamma ti posso parlare ultima modifica: 2014-03-29T11:06:35+00:00 da Matteo Cinti

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.