Numero 33 – Collaborare per risolvere

Anno IX – Numero – Gennaio – Febbraio – Marzo 1991

In questo numero:

Con la vostra collaborazione

Con la vostra collaborazione

Ombre e Luci si rivolge soprattutto ai genitori di figli con handicap, con la speranza di essere per loro aiuto e sostegno. Vuole creare legami di amicizia là dove spesso c'è solitudine ed emarginazione; ascoltare i bisogni, ridare forza e coraggio,...

leggi tutto
Famiglie diverse?

Famiglie diverse?

G. e M. Labrousse, genitori di tre figli, tra cui Paolo, portatore di handicap, ripercorrono un pò della loro storia umana, simile a quella di tante famiglie, anche se unica. I genitori che hanno conosciuto la stessa prova, si ritroveranno in queste...

leggi tutto
Quel che mancava ai nostri figli

Quel che mancava ai nostri figli

Sono un genitore; vorrei parlare di me e del mio rapporto con Paola. Per gli altri sarà senza dubbio completamente diverso, date le caratteristiche individuali di ciascuno che ben ci distinguono. La mia voce non fa legge, né regola. Mi sposai a 21 anni,...

leggi tutto
Educare è desiderare

Educare è desiderare

«Non siamo fatti per essere genitori di un figlio handicappato». Ho sentito questa frase due volte, questa settimana. La prima volta era pronunciata da un papà. Disperato, aveva appena saputo che la sua bambina di due giorni aveva una lesione al cervello....

leggi tutto
La stelletta

La stelletta

Siamo in pieno centro della vecchia Roma: ecco un negozietto accanto a tanti altri. Ha la vetrina piena di fiori e di ceramiche dipinte con allegria e ingenuità. Vicino, un piccolo portico rotondo. Su una targa c’è scritto: LABORATORIO CERAMICA. Suoniamo...

leggi tutto
Dialogo aperto n.33

Dialogo aperto n.33

Grazie ancora Ieri, tornando a casa, non credevo ai miei occhi: sul mio tavolo l’ultimo numero di Ombre e Luci; che bello! Che emozione sfogliarlo. Subito ho sentito dentro di me il desiderio di esprimere a tutti voi la gratitudine per quello che fate da...

leggi tutto
Il mio piede sinistro

Il mio piede sinistro

Perché leggere un libro che parla di un piede? Perché questo piede non è un piede qualsiasi. E’ il piede sinistro di una persona colpita da paralisi cerebrale dalla nascita. Questo per cominciare, e poi, perché il piede in questione è l’unico mezzo che...

leggi tutto

Sostienici

Puoi sostenerci con il tuo tempo, la tua esperienza, la tua professionalità, ma anche economicamente.

Collabora con noi

Hai un computer e un po’ di tempo a disposizione? Aiutaci a digitalizzare il nostro archivio.

Numero 33 – Collaborare per risolvere ultima modifica: 1991-03-07T11:23:58+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi