Qualche anno fa qualcuno ebbe l’idea di candidare la bicicletta al Nobel per la pace in quanto mezzo democratico, che non inquina, non causa guerre e favorisce la crescita di persone e comunità. Un oggetto, però, non può essere candidabile a quell’onorificenza e i promotori indicarono la federazione femminile di ciclismo afgana (di cui purtroppo non abbiamo più notizie aggiornate) per incarnarlo. L’idea, per niente peregrina, non portò a quanto sperato ma poneva l’accento su quanto la bicicletta trasmetta e parli di libertà. Dimensione essenziale tanto insita in quel mezzo che non sono mancate innovative modifiche per incrementarne l’accessibilità anche a diverse condizioni di disabilità.

Ne abbiamo avuto prova all’arrivo a Roma del viaggio di alcuni componenti della comunità dell’Arche di Bologna, L’Arcobaleno, la cui impresa (di cui leggerete nel Focus) ha dato spunto e voglia di approfondire le possibilità e le grandi, gioiose soddisfazioni che bicicletta o tandem possono offrire veramente a tutti. Guardare il mondo attraverso le ruote (anche della sedia di un modello della Barbie, come vedrete) può davvero cambiare quel mondo!

Piccole cose nel cupo mare che circonda questi mesi? Sicuramente. Tanti anni fa Mariangela Bertolini su Insieme (lo troverete ripubblicato in Archivio, scrigno di contenuti passati ma sempre di grande ispirazione) ricordava che la speranza, così essenziale per la nostra vita (e scelta da Papa Francesco da guida per il Giubileo del 2025) è fiamma che, pur nella sua piccolezza, rimane capace di diradare il buio, soprattutto quello che ognuno di noi porta dentro.

E che rende possibile aver fiducia, vivere in comunione e in pace, camminare – e, perché no, pedalare! – insieme. Questo il nostro augurio per voi, cari lettori: possiate accogliere e far brillare piccole potenti fiammelle di speranza per il Natale, memoria di quella Speranza che, un giorno di duemila anni fa e da allora ogni giorno, si è fatta e si fa Bambino per noi.

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n. 160, 2022

Copertina_OeL_160_2022

 

SOMMARIO

Editoriale
Declinazioni di speranza di Cristina Tersigni

Focus: Per pedalare tutti
Otto giorni per vent’anni di Cristina Tersigni
Tandem in Trentino di Andrea Posa
Invertire gli addendi di Cristina Tersigni
Bari scintillante di Cristina Tersigni
«Ce l’abbiamo fatta!» di Giampaolo Mattei

Intervista
Alberta e la Rivoluzione di Giulia Galeotti

Testimonianza
Alla ricerca dell’altro da me di Giulia Cirillo

Dall'archivio
Avete mai provato... di Mariangela Bertolini

Associazioni
Il piacere del contatto di Enrica Riera

Spettacoli
Il mondo come lo vediamo noi
di Matteo Cinti

Fede e Luce
Campi di giochi

Dialogo aperto

Libri
A sua immagine? a cura di Alberto Fontana e Giovanni Merlo
La più bella nuotata della mia vita di Anne Becker
Abbassa il cielo e scendi di Giorgio Boatti
Il grande cavallo blu di Irène Cohen-Janca e Maurizio A.C. Quarello

Diari
Fiera di me stessa di Benedetta Mattei
E.T. alla Bicoca di Giovanni Grossi

La newsletter

Ogni mese inviamo una newsletter
Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.
Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Declinazioni di speranza ultima modifica: 2022-12-15T13:00:54+00:00 da Cristina Tersigni

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.