È uscita una seconda edizione del piccolo libro che fu pubblicato in occasione della morte di Francesco Gammarelli. La sua famiglia e «Ombre e Luci» lo offrono a quelli che vogliono conoscerlo o ricordarlo. Per chi non conosce Francesco Gammarelli.
Ecco che cosa ha scritto di lui Jean Vanier.

Francesco portava bene il suo nome. Era un discepolo del «poverello». Ad Assisi nel 1978, durante un pellegrinaggio di Fede e Luce, si è convertito dopo quindici anni di allontanamento dalla chiesa; la sua vita si è conclusa poco dopo un secondo pellegrinaggio ad Assisi nella settimana dopo Pasqua 1986. La sua vita a Fede e Luce è trascorsa fra questi due pellegrinaggi.
La sua conversione nel 1978 è stata qualcosa di radicale. Eia ritrovato la fede in Gesù, la fede nella Chiesa e ha scoperto un nuovo amore per sua figlia Sabina tanto gravemente ferita, e per tutta la sua famiglia; ha scoperto la grande famiglia di Fede e Luce. Subito dopo ha impegnato tutto se stesso in questa famiglia; prima in una comunità di Roma, poi nel consiglio nazionale in Italia e nell’82 nell’équipe internazionale come vice-coordinatore. Certo, ha continuato il suo lavoro, ma tutto il suo cuore, tutta la sua vita per otto anni è stata orientata verso Gesù e verso il «benessere» delle persone portatrici di un handicap mentale, verso il sostegno delle loro famiglie e verso Fede e Luce del mondo.
Francesco aveva un cuore «povero». Il suo modo di ascoltare, la sua disponibilità nel servire, il suo amore per Sabina, rivelavano il suo cuore così capace di amare, così «povero». La sua presenza alle nostre riunioni mi colpiva sempre; egli portava intorno a sè un’atmosfera di dolcezza e di umiltà. Quando cerano tra noi momenti di tensione o di conflitto, si adoperava per risolverli, per riportare l’unità e la pace, il suo cuore di povero faceva di lui un artigiano della pace.

Jean Vanier, 1994

Chi vuole avere il libretto, può scrivere alla redazione: ombreeluci@fedeeluce.iteluce.it

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.43, 1993

Copertina - Ombre e Luci n.47 - 1994

Sommario

Editoriale

Ferie di agosto di M. Bertolini

Articoli

Un fardello pesante di E.C.Bulligan
Non vuole più andare a messa di H. Bissonier
Esperienza di catechesi: confessione di T. Pelagallo
Come costruire il futuro delle persone disabili di D. Byrne e N. Seede
Per tutte le Sabine del mondo

Inchiesta

Inchiesta tra i genitori di figli con handicap

Rubriche

Dialogo aperto
Vita Fede e Luce

Per tutte le Sabine dei mondo ultima modifica: 1994-09-02T12:09:03+00:00 da Redazione

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.