Antigone della regista canadese Sophie Deraspe è un adattamento molto libero e perfettamente contemporaneo della tragedia di Sofocle: qui Antigone è una giovane studentessa che vive in Canada ma non è canadese. È una rifugiata, scappata da bambina, dopo l’uccisione dei genitori, dalla sua patria assieme alla nonna, i due fratelli e la sorella. È brillante, integrata e legatissima alla sua famiglia. Ma anche lei, proprio come l’Antigone classica, dovrà prendere decisioni difficili, forse troppo difficili per una ragazza ancora minorenne: scegliere tra le leggi del paese che la ospita e le sue leggi morali che le impongono di aiutare a ogni costo i familiari. Le leggi terrene da rispettare sono quelle del paese di accoglienza; disobbedire a quelle leggi, seppure per insindacabili principi personali, sembra grave il doppio, perché è come disprezzare le regole di chi prima ti aveva concesso fiducia e ora pretende che quella fiducia sia reciproca. Stravolgendo la storia originale (lasciandone però intatto il senso più profondo), la sceneggiatura permette agli spettatori contemporanei di confrontarsi con gli stessi dilemmi degli spettatori della tragedia classica. E come Sofocle, neppure la regista si schiera apertamente da una parte o dall’altra.

Recensione di Claudio Cinus

Antigone - filmTitolo originale: Antigone
Paese di produzione: Canada
Anno: 2019
Durata: 109′
Genere: Drammatico
Regia: Sophie Deraspe
Interpreti principali: Nahéma Ricci, Rawad El-Zein, Antoine DesRochers

L'archivio di Ombre e Luci

Bastano 2€ al mese per sostenere Ombre e Luci. Dona subito.


Antigone ultima modifica: 2019-11-03T12:20:28+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi