Senza Filtro

di Giovanni Grossi

Parlo di quello che so

22 Giu 2022 | Senza Filtro | 0 commenti

Io all’aperto non la levo la mascherina, la tengo anche quando sto per strada, e vedo chi ce l’ha diversa da me, colorata e di un altro tipo, forse comprata in un altro posto o in farmacia. È un accessorio noioso, non poter vedere la bocca; serve per nascondere la barba ma per le donne non si vede il rossetto. Mi fa male alle orecchie, mi fa venire la crosta. Io se per caso me la dimentico, devo pagare la multa, specialmente in treno; quando c’è l’annuncio di evitare di toccarsi la faccia, ma sono fatti miei, è istintivo per me toccare la faccia. Una scocciatura cambiarla ogni giorno… ma quando verrà il momento di levarla del tutto sarà una gioia per tutti. Parlo di quello che so, non è inventato, è una realtà. Certe volte rimpiango il passato, chi c’era prima e che ci ha aiutato a recitare per fare lo spettacolo, alla fine. Per me non è facile migliorare le persone, fargli fare una crescita stando assieme. Non sapere quando ci vediamo in comunità, non incontrarsi è per me una lontananza e poi in ogni casetta bisogna organizzare cosa fare, e l’attività del pomeriggio. Non solo io sento la mancanza di tutti, di chi non c’è, non potersi vedere con i mezzi pubblici e la metropolitana perché sono in altre zone di Roma. Un modo per avvicinarmi è chiedere l’amicizia su Facebook, o telefonarmi per vederci e partire per un viaggio. Io in realtà sono stato in un posto di chiesa, anche all’estero. Però c’è il problema del cibo, perché io non mangio cose che non conosco.

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n. 157, 2021

La Newsletter

Ombre e Luci è anche una newsletter
Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.
Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Parlo di quello che so ultima modifica: 2022-06-22T10:30:52+00:00 da Giovanni Grossi
NasoMano

di Arianna Giuliano

Benedetta Ragazza!

di Benedetta Mattei

Senza Filtro

di Giovanni Grossi

Articolo 1

di Efrem Sardella

Il giardino che nessuno sa

di Antonietta Pantone

Il mondo ascoltato da me

di Davide Passeri

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Ombre e Luci

Se ti piacciono i contenuti che pubblichiamo, aiutaci a mantenerli vivi. Basta un contributo, anche piccolo.

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.