N. 129 | Senza Filtro | Vita Fede e Luce

di Giovanni Grossi

Con loro ci sto bene

19 Mar 2015 | N. 129, Senza Filtro, Vita Fede e Luce | 0 commenti

Io ho conosciuto Fede e Luce, grazie a mia cugina Francesca, che aveva pensato ad Ernesto mio fratello autistico (però non lo considero tale) che adesso ha quasi 40 anni. È un uomo ormai, sa vestirsi, sa cantare, urlare. Dove sta adesso è più calmo. È in casa famiglia. Io trovo brutta la cosa di allontanarlo da casa, da una sua stanza; dagli amici che conosceva; quando lo vedo elenca persone di quando era a Roma, ma nel frattempo è migliorato, io non lo so se ci starà per sempre.

Fede e Luce è molto importante ed io sono molto legato a chi conosco dal primo all’ultimo membro. Va bene anche per me e mia madre.

Io ho frequentato tante chiese iniziando da Villa Patrizi, dove conosco alcune persone: Roberta, Emma, Enrica, Maria Agnese, Emiliano, Franco, Giovanni e altri. Ho trovato il Vescovo molto simpatico: rispondeva ad ogni domanda, sui chilometri del viaggio in Olanda e della corsa di 007. A volte trovo imbarazzo a parlare con un prete.

Io con loro ci sto bene, sono simpatici. Fede e Luce ha molta importanza per tutti quelli che frequentano, aiuta a relazionarsi e scambiare opinioni con chi ci viene a trovare; aiuta a migliorare il rapporto con gli altri e stare con chi ci circonda aiutandoci l’un l’altro.

Giovanni Grossi, Roma – Kimata

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.129

Con loro ci sto bene ultima modifica: 2015-03-19T11:20:08+00:00 da Giovanni Grossi
NasoMano

di Arianna Giuliano

Benedetta Ragazza!

di Benedetta Mattei

Senza Filtro

di Giovanni Grossi

Articolo 1

di Efrem Sardella

Il giardino che nessuno sa

di Antonietta Pantone

Il mondo ascoltato da me

di Davide Passeri

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Ombre e Luci

Se ti piacciono i contenuti che pubblichiamo, aiutaci a mantenerli vivi. Basta un contributo, anche piccolo.

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.