Articolo 1

di Efrem Sardella

Lavorando alla Caritas

6 Set 2023 | Articolo 1 | 0 commenti

Come vi raccontavo un po’ di tempo fa, sono stato invitato ad aiutare i responsabili dell’emporio solidale della Caritas diocesana, un negozio dove chi non riesce a procurarsi il necessario per vivere viene aiutato. Il mio incarico è fare un po’ di pulizia e sistemare i prodotti sugli scaffali. Dalle mie mani passano prodotti alimentari sia per bambini che per adulti: pasta di vario formato (spaghetti, linguine, rigatoni ecc.) e poi biscotti, panettoni, caffè, zucchero, e ancora formaggi, prosciutto, latte, etc. C’era anche uno scaffale per i prodotti senza glutine e poi il reparto detersivi.

Devo anche dire che i primi giorni tornavo a casa con le mani rosse (forse per colpa di qualche detersivo non adatto alla mia pelle) così mi sono procurato dei guanti ed ho potuto toccare qualsiasi prodotto senza crearmi problemi. C’era con noi anche Giuseppe, un mio amico di vecchia data, che al computer registrava tutto ciò che noi sistemavamo negli scaffali. Ogni tanto poi venivano a curiosare famiglie di profughi ucraini e iracheni con i bambini ansiosi di poter entrare e prendere quanto gli era utile, ricevendo così un assaggio del disponibile. Abbiamo lavorato diverse settimane fino al giorno dell’inaugurazione. Alla presenza delle autorità civili e religiose io sono stato incaricato con un’altra bambina di reggere il nastro che il Vescovo avrebbe poi tagliato per dare il via a questa utile, anzi lodevole, attività: discorsi, fotografie, battimani, ringraziamenti ecc. ecc. tutti felici e contenti, un po’ meno noi sapendo che questo era il momento in cui il nostro impegno era terminato.

Ed anche questa volta l’attesa di lavoro non trova una degna conclusione… eppure tutti dicono di essere soddisfatti e lodano la serietà, la puntualità e l’impegno dedicato in ogni compito che mi viene affidato. Sono sincero, l’unico mio difetto è quello di non essere in grado di distinguere l’importanza di ciò che faccio, perché mi piace soprattutto essere utile nelle situazioni piccole e in quelle più importanti senza fare differenza, e direi che quasi sempre ci riesco. Forse qualcuno dovrebbe insegnarmi a farmi apprezzare un po’ di più e a non essere troppo buono e disponibile. Desidero un lavoro definitivo e serio: e… (scusate la poca modestia) credo di essere all’altezza di ciò!

Lavorando alla Caritas ultima modifica: 2023-09-06T11:47:18+00:00 da Efrem Sardella
NasoMano

di Arianna Giuliano

Benedetta Ragazza!

di Benedetta Mattei

Senza Filtro

di Giovanni Grossi

Articolo 1

di Efrem Sardella

Il giardino che nessuno sa

di Antonietta Pantone

Il mondo ascoltato da me

di Davide Passeri

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Ombre e Luci

Se ti piacciono i contenuti che pubblichiamo, aiutaci a mantenerli vivi. Basta un contributo, anche piccolo.

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.