Un gruppo di genitori di adolescenti e adulti nello spettro autistico di Roma ha fondato L’emozione non ha voce onlus. Per Fabio Bernardini, genitore e responsabile marketing e comunicazione dell’associazione, “Non può nascere nulla se si rimane confinati e isolati all’interno della ‘mia’ famiglia, della ‘mia’ scuola o in un’ora di attività sociale… se questi giovani mancano di intelligenza sociale allora devono essere curati con tanta socialità”. E con progetti molto diversificati e strutturati come potenziali attività lavorative e remunerative, l’associazione cerca di colmare il vuoto che esiste intorno ai giovani affetti da autismo ormai usciti dal percorso scolastico.

È già alla sua seconda edizione il progetto Cantiere nel quale alcuni ragazzi vengono avviati a lavori edili e di ristrutturazione. Diventano operai, muratori, carpentieri, imbianchini… per realizzare un progetto comune. Tutto in sicurezza con le necessarie attrezzature e le persone qualificate.

Il progetto Cavallo impegna invece i ragazzi nella cura dell’animale, così da diventare cavalieri ma anche potenziali stallieri e prepararsi alla prossima edizione di ‘Cavalcando l’autismo 2014’, una settimana di trekking a cavallo con 11 Cavalieri Autistici che dall’Umbria arriveranno in Toscana, dopo essere partiti nel 2013 dal Lazio.

Con la campagna per la raccolta fondi Diamo una Forma alla Solidarietà i ragazzi si occupano dell’impacchettamento, della gestione del magazzino, degli ordini, della raccolta di contatti e della consegna a domicilio di Parmigiano-Reggiano DOP di Montagna confezionato sottovuoto. Il tutto a fronte di un’offerta minima di 10€/mese per un periodo di almeno 6 mesi, per poter pianificare con il Caseificio la giusta quantità, senza sprechi.

Fuori dall’area lavorativa, ma importante per la salute psicofisica, si inserisce il progetto Rugby i cui principi – correttezza e rispetto per l’avversario, il lavoro di squadra, la caparbietà e la sofferenza necessaria per avanzare in gioco – sono altamente positivi per ragazzi autistici per avere autonomia e serenità nella futura vita adulta.
La Onlus non chiede assistenzialismo “ma vuole mettere in primo piano il ruolo delle famiglie che devono spingere verso la creazione di più valore e lavoro per i loro figli, non abbandonando mai l’idea di un futuro diverso”. Per questo c’è anche un sogno in fondo e in principio a tutto: la creazione di un polo altamente specializzato per il trattamento terapeutico dell’autismo. Una struttura residenziale e diurna sostenuta solo in parte da un finanziamento pubblico, ormai poco affidabile, che viva in base alle sue capacità di reddito, grazie ad un ristorante, un polo sportivo, culturale, agricolo, artigianale… ecocompatibile e sostenibile che permetta ai ragazzi di essere parte integrante di una vera impresa. In un’area già individuata a Roma nord.

Scopritene di più su lemozionenonhavoce.org

di Cristina Tersigni

Dossier Autismo

La lezione del femminismo di Nicla Bettazzi
Un altro anno di Giovanni Grossi
Bicoca's Got talent di Giovanni Grossi
Alla fine qualcosa ci inventeremo di Redazione
Con loro ci sto bene di Giovanni Grossi
L'emozione non ha voce di Redazione
Mamma ti posso parlare di Redazione
Ora che sto per diventare mamma di Maria Paola Tosti
Momenti difficili di Pennablu
Che senso ha la vita di Paolo? di Maria Amelia
Un panorama da riscoprire di Tommaso Bertolini
Nicola Pintus e il progetto Filippide di Huberta Pott
Autismo e integrazione scolastica di Davide Del Duca

L’emozione non ha voce ultima modifica: 2014-03-29T11:04:25+00:00 da Cristina Tersigni
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi