Non una Messa di «serie B» o una «quasi Messa», ma una vera e propria celebrazione liturgico-eucaristica, adattata ai bisogni di comprensione e di partecipazione della persona disabile mentale