Lo schietto titolo del libro è quello di un duetto coinvolgente che Damiano e Margherita Tercon hanno realizzato per una performance televisiva di talenti e del quale, leggendo, scopriamo i motivi lontani e vicini.

In Mia sorella mi rompe le balle (Mondadori, 2020) il duetto racconta in chiave ironica cosa vive un uomo come Damiano – cantante lirico- nella condizione della sindrome di Asperger, una della tante possibilità della sindrome autistica. Il ruolo di spalla viene interpretato pregevolmente da sua sorella Margherita. Il libro nasce proprio sull’onda del successo riscosso nello spettacolo televisivo e ha il compito, molto più interessante della performance stessa, di farci conoscere come questa sia nata. Le voci di Margherita e Damiano si alternano, ripercorrendo gli anni della scuola e quelli successivi, lasciando emergere le difficoltà e le debolezze di ciascuno ma anche i loro punti di forza. Sarebbe stato facile perdersi in un percorso costellato da una sindrome di Asperger riconosciuta in Damiano solo dopo i 20 anni, dai gravi episodi di bullismo che ha subìto o dai disturbi alimentari con cui Margherita non ha mai smesso di confrontarsi… ma “non è detto che le cose debbano sempre andare a finire male, anche se, a volte, sembra l’unico scenario possibile”: sono invece “i modi di reagire al mondo e a ciò che capita” a fare la differenza. Differenza che emerge nel riuscire a raccontare con incredibile “leggerezza” quel che leggero non è affatto: l’umorismo innato e le iperboli descrittive di Damiano (che con la sua varietà e proprietà lessicale avrebbe decisamente dovuto guadagnare qualche riconoscimento in più dai vari prof descritti, come sottolinea la ragazza che lo aiuta a casa con i compiti) riescono a strappare sorrisi nonostante si riferiscano a momenti davvero difficili della vita, non solo scolastica, di Damiano. Margherita riesce a leggersi dentro e raccontare i suoi personali capitomboli con mano leggera e consapevole: le sue fragilità emergono con la crescita, come accade in tanti altri casi simili al suo, ma sembra proprio che il rapporto con il fratello, molto franco e alla pari, le dia la chiave per uscire da una spirale difficile.

Ciascuno ha il suo zaino da portare per affrontare la montagna che ha di fronte ma, ognuno con il proprio passo, godono pienamente della presenza dell’altro, accettando i loro ritmi diversi, scegliendo i momenti in cui una sosta e un confronto, uno negli occhi dell’altro, fa emergere la forza di affrontare impervi passaggi. Interessante poi non sentire che lontane le voci dei genitori: solidi e presenti rimangono distanti nello scorrere della storia che comunque riguarda Damiano e Margherita. Se meritato è stato l’applauso del pubblico dello spettacolo televisivo, lo sarà ancor di più quello del lettore che coglie in pieno questa loro vitale e complice diversità.

Tercon - Mia sorella mi rompe le balle
 
Acquista questo libro in uno dei siti del circuito Helpfreely.

Se sei iscritto, una percentuale del tuo acquisto verrà donata a Fede e Luce. (Scopri di più)

Ecco dove puoi trovarlo:

IBS
Il Libraccio
Mondadori Store

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n. 152, 2020

Copertina_OeL_152_2020

SOMMARIO

Editoriale
Biglietti e disegni di Cristina Tersigni

Focus: Adozione
Già nostro figlio di Paolo Catapano
Un gatto, la comunità e il nostro apartheid di Giulia Galeotti
Vangelo, immaginazione, intelligenza di Dorota Swat
Il diritto di chi? di Antonio Mazzarotto

Intervista
Quel che la Convenzione dice (e non dice) di Lars Porsenna

Testimonianze
Cosa si potrebbe imparare dai banchi monoposto? di Laura Coccia

Dall'archivio
Paolo e Chiara di Irma Fornari

Associazioni
Cosa c'è oltre la scuola? di Monica Leggeri

Fede e Luce
Guida per le comunità di Lucia Casella

Spettacoli
Riappropriarsi della propria firma di Claudio Cinus

Dialogo Aperto
In ricordo di Aldo di Maria Goffi e Flora Atlante
Periodo pesante, su spalle e cuore di Elisa Sturlese

Vita Fede e Luce n.152

Libri
Mia sorella mi rompe le balle di Damiano e Margherita Tercon
I disegni segreti di Véronique Massenot e Bruno Pilorget
Viaggio Italia around the world di Danilo Ragona, Luca Paiardi e Marcello Restaldi
Grazie, papà Don Carlo a cura di Sergio Didonè

Diari
Ho votato di Benedetta Mattei
Io non lo so cosa mi aspetto dal futuro di Giovanni Grossi

La newsletter

Ogni mese inviamo una newsletter
Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.
Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Mia sorella mi rompe le balle ultima modifica: 2021-02-10T08:11:11+00:00 da Cristina Tersigni

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.