Io sono molto brava a fare gol. Gioco nella As Roma. Per questo mi hanno convocata a Trigoria per allenarmi. Per prima cosa ho fatto colazione. Un bel cappuccino con il cornetto. Tutto molto buono.

Io mi sono dovuta mettere tutte le cose della Roma perché noi giocatori dobbiamo vestirci tutti uguali per far contenti quelli della Roma. Quando iniziamo a giocare a settembre ci danno tanta roba: tante magliette con le maniche lunghe e corte, tute, pantaloncini, calzoncini corti che non mi piacciono proprio e pure due giacconi pesanti per il freddo. Pure le borse. Io non so che farci con tutte quelle cose.

Benedetta - Roma

A Trigoria ho parlato di come gioco io. Ci hanno portati in una stanza con tante luci dove fanno la televisione. C’era un microfono grande e strano. Alto. Mi hanno chiesto se volevo dire qualcosa nel microfono e io ho detto: «Buongiorno a tutti!». Non sapevo che dire. Ma ho pensato dentro di me: «Che lusso!!». Poi mi hanno chiesto se volevo sedermi dove i giocatori parlano con i giornalisti. C’è un grande tavolo con poltrone strane. Si chiama stanza dove si fa la conferenza stampa, mi hanno detto. Io mi sono seduta molto volentieri. Poi ho visto pure una bellissima piscina. Quando fa caldo io ci farei il bagno anche se forse avrei un po’ di paura a entrarci. Meglio il mare.

Ho detto a tutti che sono amica di Stephan El Shaarawy e che una volta, proprio a Trigoria, mentre giocavamo è entrato in campo Francesco Totti per salutarci e farci una sorpresa ma ci ha rovinato la partita perché poi non abbiamo più giocato perché volevano farsi la foto con lui. Ma poi Totti e Daniele De Rossi mi hanno poi mandato un video per salutarmi. Poi ho saputo che non gioca più a Trigoria il mio amico Kolarov: lui mi ha tenuta per mano quando sono entrata in campo allo stadio Olimpico con i giocatori. Era preoccupato perché io mi mettevo sempre a posto la scarpa e lui pensava che avevo qualche problema. Invece no.

A Trigoria ho parlato con Chris Smalling che è alto e ha i capelli molto molto particolari, con una specie di treccine. Gli ho detto: «A bello, ti amo!». E lui mi ha risposto ridendo tanto e con un applauso. Purtroppo non ci possiamo abbracciare perché c’è il virus.

Benedetta - Roma

Niccolò Zaniolo invece mi ha regalato la sua maglietta che ha il numero 22. E sul numero ci ha scritto la sua firma e “a Benedetta con affetto”. La maglietta di Niccolò mi sta lunghissima, mi arriva quasi fino ai piedi. Sembra un vestito per andare in spiaggia. Ma ha le maniche lunghe. È molto bella e colorata ma è inutile. E poi ci ha scritto pure sopra. Io non scrivo sulle magliette perché sennò si rovinano. Lui si è fatto male al ginocchio e purtroppo ora non può più giocare. A me dispiace e spero guarisca presto. Però non ha la sedia a rotelle e neppure le stampelle. Forse guarisce molto presto. Fa tanti esercizi e tanti massaggi. Speriamo che il suo dottore sia bravo. Noi poi abbiamo fatto una partita e io ho fatto 7 gol. Mica pochi, eh!

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n. 153, 2021

Copertina_OeL_153_2021

SOMMARIO

Editoriale
Tutta un'altra storia di Cristina Tersigni

Focus
Per una storia della disabilità di Giulia Galeotti

Estratto
Il crimine di Eva di Eliane Brum

Dall'archivio
Un tesoro in vasi di creta di Dario Madaschi

Associazioni
Nella casa di Dario di Carlo Maria Fornari

Fede e Luce
Una piccola matita nelle sue mani di Vito Giannulo

Spettacoli
Perché di Katherine e Nerissa non ci sono più tracce? di Enrica Riera

Dialogo Aperto

Libri
Imparare a cadere di Mikael Ross
Dove crescono i cocomeri di Cindy Baldwin
L'eredità dei vivi di Federica Sgaggio
Marie la strabica di Georges Simenon

Diari
Bella ma inutile. Cronache da Trigoria di Benedetta Mattei
È bello avere un posto dove lavorare di Giovanni Grossi

La newsletter

Ogni mese inviamo una newsletter
Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.
Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Bella ma inutile. Cronache da Trigoria ultima modifica: 2021-05-31T14:18:24+00:00 da Benedetta Mattei

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.