Quando a vincere è il razzismo
Che cosa sta succedendo alla nostra società? L’aggressione alla giocatrice di basket in carrozzina Beatrice Ion e a suo padre dimostra che qualcosa si è rotto, o forse non è mai stato aggiustato. Ci siamo illusi per troppo tempo che i germi del razzismo fossero stati sconfitti e fossero un capitolo chiuso nei libri di storia del ventesimo secolo. La cronaca ci dimostra giornalmente che i valori di cui ci fregiamo e sui quali sono state costruite le nostre democrazie post belliche troppo spesso sono rimasti solo sulla carta.

Lo sport insegna che le regole sono uguali per tutti. Tutti i giocatori, tutti gli atleti, devono sottostare per poter giocare insieme, a prescindere dall’orientamento sessuale, dal genere, dalle diverse abilità, dalla nazionalità, dalla religione o dal colore della pelle.

Il racconto dell’aggressione subita dalla giocatrice e atleta della nazionale italiana dimostra come la paura del diverso sia insita in troppi. Beatrice infatti è stata aggredita perché di origine rumena e perché disabile e suo padre ha subito un pestaggio perché ha tentato di difenderla. La paura del diverso, la paura di ciò che è ignoto e l’ignoranza si combattono con la cultura. Un principio ovvio, lapalissiano verrebbe da dire, ma purtroppo dobbiamo comprendere come sia urgente una campagna a tappeto per sensibilizzare contro le discriminazioni di tipo razziale, religioso, a causa di una disabilità… Mi auguro che Beatrice Ion venga invitata nelle scuole, nelle università e nei luoghi di cultura per raccontare la sua esperienza, non solo l’aggressione che ha subito insieme a suo padre, ma anche la sua passione per lo sport, per il basket, per la vita.

La newsletter di Ombre e Luci

Iscriviti e ricevila ogni mese

Il blog di Benedetta

Un nuovo post ogni due settimane

L'archivio di Ombre e Luci

Quando a vincere è il razzismo ultima modifica: 2020-07-17T09:06:48+00:00 da Laura Coccia

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.