AVVISO

Inchieste promosse dall’Arca internazionale hanno accertato gravi responsabilità di padre Thomas Philippe (la prima nel 2015) e di Jean Vanier (2020) nei confronti di diverse donne. Qui il comunicato più recente che condanna senza riserve queste azioni «in totale contraddizione con i valori che Vanier sosteneva» e con «i principi fondamentali delle nostre comunità».

Newsletter n.7 – La sedia e lo studio

Scoppiettante prima newsletter del 2020 con un video inedito di Jean Vanier, la recensione del film a lui dedicato, un bilancio sulle serie tv 2019 in tema di disabilità e la nostra Benedetta che è andata alla festa di compleanno di Papa Francesco

7 Febbraio 2020

Immagine di copertina: Denise Turu da Who Is My Neighbor? (Flyaway Books 2019)

La sedia e lo studio

«Quando perdiamo il diritto di essere differenti, perdiamo il privilegio di essere liberi»: una sedia ha brillato nel discorso di fine anno del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Una sedia donatagli dalla locanda sociale Centimetro Zero, attiva da 4 anni nelle Marche, e su cui i ragazzi con diverse disabilità che vi lavorano hanno dipinto la celebre frase di Charles Hughes. Questo manifesto contro il conformismo è un augurio bellissimo per il 2020 appena iniziato, che vogliamo salutare regalandovi un breve video – inedito! – di Jean Vanier, girato nel gennaio del 2012 nel suo studio a Trosly.

Parole che ci illuminano e incoraggiano mentre – tra difficoltà e speranza, giorni e notti – procediamo per la via su ciottoli colorati. Quei ciottoli che i ragazzi del laboratorio calcografico del Chicco di Ciampino hanno disegnato sul loro calendario del 2020.

«Il mio cuore è gonfio di gratitudine»: così, in una lettera scritta ormai 16 anni fa, Jean Vanier augurava buon anno alle comunità dell’Arca e di Fede e Luce, che lui – nella sua incredibile capacità di restituire complessità a ciò che il mondo tendeva (e tende) sempre a schiacciare su un unico e limitante binario – riconosceva invece essere, al contempo e insieme, fragili e solide. È quello stesso Vanier che il padre della nostra blogger e rubrichista di punta non ha ancora smesso di ringraziare (come lui stesso ha raccontato) per i consigli che gli rivolse quando la bambina aveva solo pochi mesi: «Fidati, buttati, non aver paura e cerca di essere degno di Benedetta, perché ogni volta che dirai l’Ave Maria la nominerai per forza. E scoprirai che sei tu ad aver bisogno di lei, più di quanto lei avrà mai bisogno di te».

Fino a qualche mese fa oggetto di proiezioni e dibattiti in Francia, è ora disponibile anche in dvd il film Jean Vanier, Le sacrament de la tendresse, che Cristina Tersigni recensisce per noi. Seppur sottotitolato ancora solo in lingua francese, consente comunque un nuovo, commovente incontro con il fondatore dell’Arca, morto il 7 maggio 2019, insieme all’occasione di vedere realizzata quella tenerezza, di cui tanto ha parlato, nella sua lunga e feconda vita.

Aprendo una parentesi al nostro Speciale sul Cinema e disabilità sui film dedicati alla disabilità, che riprenderà nella prossima newsletter, Matteo Cinti ha scritto per noi una riflessione sulle serie tv con protagoniste persone con disabilità, nel 2019 rappresentate – dagli Stati Uniti all’Italia – in modo particolarmente complesso, senza cadere in facili stereotipi.


Il blog di Benedetta

Al compleanno di Papa Francesco

Papa Francesco mi ha invitata alla festa del suo compleanno e io ci sono andata. Di corsa. Sono stata molto contenta che mi ha invitata e l’ho detto anche a lui. Continua a leggere…


Agenda

Udine – Sabato 11 e domenica 12 gennaio 2020, weekend di laboratori e talk sull’arte come strumento di trasformazione sociale dal titolo “La paura di essere fuori. La paura dell’Altro, la paura delle Periferie, la paura dell’Esclusione”.

Siena – Prosegue il progetto pilota promosso da Regione Toscana dei Musei per l’Alzheimer. Il prossimo appuntamento è nel complesso museale di Santa Maria della Scala, il 24 gennaio.

Milano – All’Università degli Studi di Milano, un convegno vuole far luce sull’ingarbugliata questione della riforma del Terzo Settore. Il 28 gennaio alle 16, info e iscrizioni qui.

Vita Fede e Luce

Una delegazione della provincia di Un Fiume di Pace è volata fino in Terra Santa per due giornate di formazione, il 3 e il 4 gennaio. L’incontro era intitolato “Li chiamò a sé” e si è svolto proprio accanto alla Basilica dell’Annunciazione di Nazareth: ecco le foto!

Per altre notizie seguici su Facebook e su Twitter.

Numeri passati

E adesso viene il bello – Newsletter n. 35

Paralympian del collettivo giapponese GOO CHOKI PAR è il poster ufficiale delle Paralimpiadi di Tokyo. Il trio di artisti ha realizzato anche altri 22 poster, uno per ogni disciplina paralimpica.Dall'archivio Con il ricordo ancora vivido delle Olimpiadi appena...

Atipici – Newsletter N. 34

Dall'archivio «Come reagire di fronte a un neonato che non vi tende le braccia e rifiuta ogni contatto fisico? Come comportarsi con un bambino che, invece di abbracciarvi, vi morde o vi graffia e che, quando lo lasciate, non piange mai?» Arme-Marguerite Vexian...

Viaggi e visioni – Newsletter n. 33

OL incontra... Con questa newsletter, andiamo lontano! Lietissimi di averli nella copertina del mese con la nostra rivista tra le mani, salutiamo infatti i missionari del Pime ad Hong Kong. In molte occasioni hanno condiviso le loro esperienze con i lettori di Ombre e...

Quel che ti scava dentro – Newsletter n. 32

OL incontra... Ci sono frasi che ti scavano dentro, inseguendoti fino a quasi toglierti il fiato. Come quella che una ragazza in carrozzina ha “lanciato” qualche anno fa a Laura Coccia, fermata al termine di un incontro pubblico. Quell’enorme dolore sussurratole da...

A 4300 metri di altitudine – Newsletter n. 31

OL incontra... Anche solo perché, con i suoi 4300 metri di altitudine, è una delle città più alte al mondo, Cerro De Pasco in Perù potrebbe essere un’interessante meta turistica. Il suo nome è invece legato a una delle miniere a cielo aperto più grandi del globo...

Assieme – Newsletter n. 30

OL incontra... Abbiamo da poco festeggiato un compleanno a cui avremmo rinunciato volentieri, quello della chiusura totale decretata il 9 marzo 2020 per contrastare il covid-19. Da allora un tempo di lutto, paure, nuove povertà e antiche salite. Ogni bilancio è...

Una scuola di tutti – Newsletter n. 29

OL incontra... un passato che speravamo sepolto È un tema che Ombre e Luci ha affrontato spesso nella sua storia, quello degli alunni con disabilità nelle scuole italiane. I toni sono stati diversi a seconda delle occasioni, delle storie, delle proposte avanzate e...

Essere comunità – Newsletter n. 28

OL incontra... Un uomo che fa, e che pensa. Soprattutto un uomo che fa entrambe le cose benissimo: questo mese O&L incontra Luigi d’Errico, sacerdote davvero vicino ai più fragili e neo Commendatore dell’Ordine al Merito Civile della Repubblica Italiana che, con...

E poi arriva il Natale – Newsletter n. 27

OL incontra... Parte dagli anni in cui è stata scout e arriva fino all’ultima pagina di una lettura recente che l’ha molto colpita, Monica Leggeri: è lei a firmare O&L incontra di questo mese. Un incontro nato con Robi, proseguito con sua sorella Anna Claudia...

Le domande che ci assillano – Newsletter n. 26

OL incontra... «A prescindere dalla loro razza, etnia, fede, identità o disabilità»: c’è spazio anche per le persone con disabilità tra le prime parole pronunciate dal neo presidente statunitense Joe Biden. Un’attenzione importante ai più fragili in un Paese che deve...

La newsletter

Ogni mese inviamo una newsletter
Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.
Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Newsletter n.7 – La sedia e lo studio ultima modifica: 2020-01-10T14:13:23+00:00 da Redazione

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.