Io le bugie non le dico. Mai. Per questo quando ho messo la mano nella Bocca della Verità ero sicura, sicurissima, che non mi succedeva proprio un bel niente. Tutti mi dicevano: «Attenta Benedetta che ti mangia la mano!». Ma che sei matto? A me la mano serve per mangiare e pure per scrivere a scuola, aho! C’erano pure gli stranieri che mi dicevano qualcosa e mi battevano le mani. Io non capivo niente. Anche se ho 8 in inglese e 7 in francese. Ho detto a tutti di parlare italiano. Ma non capivano niente nemmeno loro. Mi hanno fatto pure le foto con il cellulare. Tante foto. E io mi sono messa in posa. Poi ho messo la mano nella Bocca della Verità che è una faccia grande bianca e dura. Molto brutta. Non è successo niente. Lo sapevo. Papà mi dice sempre che non devo mai dire bugie a nessuno, a casa, a scuola, alle mie amiche. Perché poi è peggio. Lui dice che devo dire sempre la verità. Dire la verità è molto meglio. Pure divertente. Perché così io racconto tutte le cose che mi sono successe e tutte le cose che penso con la mia testolina. E le persone mi stanno a sentire. Ogni tanto però qualche bugia la dico perché spero che incontro Elia e allora dico a mamma: «Ho visto Elia, ferma la macchina!». Mamma mi risponde che Elia vive a Brescia e che non lo possiamo incontrare a Roma, a viale Marconi oppure quando vado a scuola a Trastevere o quando vado a calcio, anche se anche Elia gioca a calcio. Però a Brescia. Mamma dice che questa non è una bugia ma sono io che vedo Elia da tutte le parti. È vero! Però alla Bocca della Verità ci torno. Perché io penso proprio che qualcuno perde la mano. Mi dispiace se perdono la mano, però le bugie non si dicono mai. Io non lo so se conosco quelli che dicono le bugie. E non so come fanno a perdere la mano. Ma tanto io non la perdo.

Altri articoli dal blog di Benedetta

Qualche volta voglio e qualche volta no

Allora, sono stata a Montevarchi col treno a trovare la mia amica Sara. Poi sono stata interrogata a francese e accoglienza. Ho fatto la partita con la As Roma under 17 e ho fatto un gol e un assist. E ho tante cose da fare a maggio e a giugno. Torno pure a...

leggi tutto

94, 9, 35 e 18: le cose dietro i numeri

Ho fatto tante cose e altre sono successe e io non le ho fatte. Mia nonna ha compiuto 94 anni il 28 giugno. Io l’ho aiutata a spengere le candeline che erano due. Una era il numero 9 e una il numero 4. Lei non ce la faceva. La torta era buona, anzi erano due. Poi...

leggi tutto
Tanto io non la perdo ultima modifica: 2019-11-05T11:30:55+00:00 da Benedetta Mattei

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.