Ho conosciuto Fede e Luce attraverso Mariangela, lei è stato il mio primo determinante tramite e, insieme al Carro, mi ha aperto una finestra su questo mondo che, fin dal primo momento, mi è apparso speciale e sorprendente al contempo.

Da cinque anni ormai sto collaborando ad Ombre e Luci e la finestra si è aperta ancora di più e pian piano ora mi sento anche io “amica” di Fede e Luce, anche se non ne faccio parte, perché, come dice ironicamente Cristina, non ho ancora fatto “casetta”.

Quando ho iniziato a sentir parlare del pellegrinaggio di Assisi ho pensato che mi sarebbe piaciuto partecipare, essere insieme ai tanti amici che conosco ormai da tempo e a quelli che conoscevo in foto o per telefono o  attraverso gli scritti del giornale. Volevo ri-conoscere queste persone tutte insieme nel loro essere Fede e Luce.

Così aggregata alla comunità di San Gregorio, sono partita sentendomi un po’ come un’ inviata di Ombre e Luci…

L’esperienza è stata per me molto intensa ed emozionante, mi ha commosso ascoltare in Piazza San Pietro le parole del Papa sulle persone disabili, ho sentito che stava parlando anche di me. Una nuova particolare emozione l’ho provata il primo giorno ad Assisi, è stato infatti ubriacante vedere la piazza antistante la Basilica di Santa Maria degli Angeli animata dai colori delle quasi mille persone, provenienti da tutte le parti d’Italia, con i loro stendardi ed ho provato un sincero sentimento di amicizia verso tutti. Bellissimo poi assistere finalmente ai famosi mimi ed alle altre rappresentazioni dopo averne visionate decine e decine solo in foto d’archivio.

Ma come per tutti la gioia e la commozione hanno albergato nel mio cuore in tanti altri momenti, uno su tutti il ricordo di Mariangela. L’emozione è stata particolarmente forte perché avrei tanto voluto farlo con lei questo mio primo Pellegrinaggio di Fede e Luce

Nel caos della vendita di libri, mentre il cervello cercava di non fondere dietro alle compulsive richieste di figurine e.. doppioni, ho avuto la possibilità di abbinare nomi, ormai familiari di abbonati, a persone in carne e ossa, una in particolare che ogni anno, si fa carico di mandarci con tanta cure e precisione, la lista degli abbonati della sua comunità; ho incontrato amici e ragazzi che hanno scritto al giornale o per il giornale, amici che ci telefonano o offrono contributi fotografici…dare un volto a questi nomi così familiari mi ha fatto molto piacere.

Di emozione in emozione: molto toccante la fiaccolata verso la Basilica di San Francesco e la veglia, i canti nella piazza… un po’ meno emozionante temere di dover tornare a piedi con i ragazzi e con bambini, a causa della rigidità sindacale di alcuni autisti, ma poi con la grande disponibilità e cordialità di altri autisti, si è risolto tutto molto bene.

Ho partecipato ed assistito ad ogni attività come una persona che non sa ancora nuotare ma si è tuffata in acqua allegramente con fiducia e… curiosità. Alcuni “passaggi” mi hanno pian piano permesso di guardare in “acqua” con altri occhi e solo alla fine mi sono accorta che stavo nuotando anch’io.

Il primo giorno ero colpita, e forse anche leggermente infastidita, dalle stereotipie di alcuni ragazzi o dalla loro simpatica e spudorata invadenza, poi, pian piano, ogni cosa, come la tessera di un mosaico è andata ad integrarsi perfettamente nella mia testa.

Mi ero impegnata ad essere vicina a Pietro che, per chi non lo conoscesse (pochi credo!), è un omone alto e robusto. Conosco Pietro da molti anni e ci incontriamo in vari gruppi di attività della parrocchia, inoltre, data la mia non fresca età, la sua autonomia motoria andava bene per le mie  limitate  forze. Per questo scherzando gli ho detto: “Pietro dammi il braccio  lungo la strada che io sono un po’ traballante nel camminare!” In questa frase, da parte mia, c’era un po’ di affettuosa condiscendenza, ma anche in questo caso il mio atteggiamento è dovuto cambiare. Infatti, fin dal primo giorno, camminando con lui, sono rimasta colpita dalle tante persone di tutte le regioni d’Italia, che, incontrandoci, si fermavano a salutarlo ed a chiacchierare con lui, persone che io non conoscevo, per cui rimanevo sorridente in disparte ad aspettare che lui terminasse i suoi saluti ed i suoi “ti ricordi”! Durante la fiaccolata verso la Basilica del Santo mi sono dovuta veramente appoggiare al braccio di Pietro. Quella sera alla luce delle fiaccole, nell’emozione dei canti e delle preghiere, mentre arrancavo per tenere il suo passo veloce, mi sono chiesta chi fosse veramente dei due che stava accompagnando l’altro…

Infine l’ultimo giorno, durante la messa in Santa Maria degli Angeli, mi sentivo veramente in comunione con tutti, seguivo la celebrazione senza essere disturbata da niente, non vedevo nemmeno le sedie a rotelle, eppure a Santa Silvia quando a messa c’è una comunità di Fede e Luce me ne accorgo subito. Quella mattina non vedevo la distinzione fra disabili e amici, ho pensato “mi sono abituata”, forse era così! ma che bella abitudine stare tutti insieme, tanto da non vedere le differenze o per lo meno da non esserne stupiti o meravigliati! Mi è venuta spontanea questa frase: “è tutto così normale!” . Eravamo tutti uguali, tutti aggrappati alla stessa accogliente “Barca”. E ora voglio dire grazie a tutte quelle persone, amici e ragazzi che erano lì, mi hanno accolto tra loro e mi hanno insegnato a nuotare e grazie Mariangela, per avermi dato la spinta. 

Rita Massi, 2015

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.131, 2015

SOMMARIO

Editoriale

Cinque azioni di Cristina Tersigni

Dossier - Coraggio, sono io!

Tornare ad Assisi passando da Roma di don Marco Bove
La felicità è imperfetta di Isabella Gimmi
Come nasce un pellegrinaggio... di Paolo Tantaro
Con tanta voglia di fare di Flora Atlante
Viaggiare alla pari di Davide
Non ci sono parole! di Carla Gaviraghi
Il nostro scoop di Gruppo Cesano Boscone
Accompagnata e accudita di Pierina Formiconi
In un attimo decine di volti di Angela Grassi
Pronta a riviverlo! di Arianna Giuliano
La forza della fragilità di Gruppo Cesano Boscone
I miei primi quarant’anni di Laura de Rino
Una semplicità bella e ricca di Carlo Gazzano
La relazione e la famiglia di Stefano
Un solo nome di Vanna Rossani
Nonostante alcune delusioni di Caterina Mercurio  
Un turbinio di eventi di Pietro Vetro
Ho imparato a nuotare di Rita Massi

Castel Porziano in festa di C. Tersigni, F. Castoldi, G. Buongiorno
Che bella estate! di Comunità Madonna della Provvidenza 
Bicoca’s Got Talent di Giovanni Grossi
Tempi nuovi per i campi? di Valentina Calabresi
Scampoli di paradiso di don Enrico Cattaneo

Rubriche

Viola e Mimosa di Giulia Galeotti

Ho imparato a nuotare ultima modifica: 2015-06-13T14:15:08+00:00 da Rita Massi
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi