La ragazza  porcospino – Recensione libro
È un libro breve, ma straordinario! Una giovane donna autistica per lunghi anni è considerata disabile mentale grave, mentre in realtà è dotata di una intelligenza al di sopra della media e all’insaputa di tutti ha raggiunto una cultura straordinariamente sviluppata. Ma nessuno l’ha capito finché non ha potuto esprimersi attraverso la «comunicazione facilitata». In queste pagine Katja racconta la sua sofferenza, le sue gioie, i suoi desideri e, in uno stile molto personale, inventa delle fiabe. Nei capitoli finali, la testimonianza della madre è appassionante. Katja nel suo libro nomina più volte Dio e questa è una prova in più che non bisogna rinunciare ad accostare gli autistici all’esperienza religiosa.

P. Henri Bissonier, 2001
(O. et L. n. 134)

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.75

Sommario

Editoriale

Vogliamo andare avanti? di M. Bertolini

Autismo e comunicazione facilitata

Come Michele è uscito dalla sua fortezza di T. Rendina
Intervista Francesca Benassi di T. Cabras

Altri articoli

Fotoconcorso: I più piccoli a Lourdes
I miei "Piccoli Principi" di C. Cornacchione
I Condomini Solidali di Tea Cabras
Paola è venuta ad abitare con noi - Comunità Nicodemo di B. Ghislandi e U. Di Carpegna
Sottovento, Un film da vedere di F. Ascenzi
Grazie Ingrid di Paolo Salvini
Handy Cup di Redazione

Rubriche

Dialogo aperto

Libri

La ragazza porcospino, Katja Rohde

La ragazza porcospino – Recensione libro ultima modifica: 2001-09-20T11:28:02+00:00 da Henri Bissonier

Ogni mese inviamo una newsletter

Ci trovi storie, spunti e riflessioni per provare a cambiare il modo di vedere e vivere la disabilità.

Se prima vuoi farti un'idea qui trovi l'archivio di quelle passate.

Ti sei iscritto. Grazie e a presto... anzi alla prossima newsletter ;) Se ti va, quando la ricevi, facci sapere che ne pensi. Ci farebbe molto piacere.