In questo numero:

«L’ottavo giorno»

L'ottavo giorno, (Le huitième jour), 1996, Belgio, J. Vari Dormelì - George, il ragazzo afflitto da sindrome di Down, ha chiuso tutto il suo mondo in una valigia ed è alla ricerca dei suoi sogni; Harry è un manager in disarmo, che insegna ai carrieristi come essere...

leggi tutto

La loro vita nei film

Ora che il cinema , attraverso la televisione è entrato nelle nostre case, si ripropone, più di prima, come nuovo modo di divertire, ma anche di conoscere e di sapere. Come nella letteratura, gli argomenti più disparati si prestano a diventare film: avventura,...

leggi tutto

Pezzi di vita

Caro Andrea, ero entrata nel negozio della tua nonna per comperare dei chiodi e delle viti e ne sono uscita con il tuo diario «Pezzi di vita» che la tua nonna, molto orgogliosa del tuo lavoro, mostra ai vecchi clienti affezionati. Abbiamo pensato, noi della redazione,...

leggi tutto

«Figli di un Dio minore»

Figli di un dio minore. (Children of a lesser god), 1986, USA, R. Haines, (F) - Lui è un insegnante in una scuola per non udenti, lei un’inserviente sordomuta dalla nascita. Si innamorano e dopo molte difficoltà, il sentimento riuscirà a far loro superare tutte le...

leggi tutto

«Rain man»

Rain man , (id.), 1988 , USA, B. Levinson - Un giovane si trova a dividere un’ingente eredità con il fratello autistico , di cui non sapeva nulla. Ritrovare un familiare che non aveva mai conosciuto sarà una vera scoperta sia per le difficoltà che per l’eccezionalità...

leggi tutto

«Il mio piede sinistro»

Il mio piede sinistro, ('My left foot), 1989, Irlanda, J. Sheridan - Christy a causa di una paralisi cerebrale non può muovere altro che il piede sinistro trascinando il resto del corpo inerte. Non riesce a parlare ma ha un’intelligenza vivace e la voglia di imparare...

leggi tutto

Il compleanno di Chiara

Lo sanno tutti: Chiara sabato dà una festa per il suo compleanno. Chiara ha un giardino grande, una mamma che sa fare le pizzette buone, un papà che, se è in casa, organizza partite di pallavolo. Tutti vorrebbero essere invitati.- A chi lo dici di venire?- Valentina è...

leggi tutto

A Jean Vanier il Premio Paolo VI

L'Istituto Paolo VI di Brescia, nato dopo la morte di Papa Montini, ha il fine di diffondere e approfondire il pensiero di questo Papa “in costante riferimento con la storia della chiesa e civile del nostro secolo Una delle iniziative dell’Istituto, è il «Premio...

leggi tutto

La nostra casa

Ad Arcene, un paese della bassa bergamasca, abitiamo in una piccola porzione di casa chiamata «Stallo della Madonnina» che ci è stata messa a disposizione dal Comune due anni fa, all’inizio della nostra avventura. Una casa come tutte le altre, un arredo semplice, un...

leggi tutto

Venite e vedete – Un ritiro con Jean Vanier

È con molta gratitudine che presentiamo questo libro: per Jean Vanier che ne è stato il fondamento, per Manuela Bartesaghi che ne ha trascritto il testo, per le Edizioni Dehoniane di Bologna che lo hanno pubblicato. Ci sembra che nei suoi ritiri Jean Vanier presenti...

leggi tutto

E dopo parliamo d’amore

Con questo racconto una mamma si rivolge alla figlia sotto forma di lettera. La figlia Francesca ha quattordici anni ed è affètta da metabolismo. grave e molto rara, della quale non si sa quasi niente e che l*ha porrata a vivere su una sedia a rotelle. La mamma scrive...

leggi tutto

Tenere la porta aperta

«Tutti si sono allontanati!» «Siamo rimasti soli, ... perfino i parenti non li vediamo quasi mai!» Quante volte sentiamo dire queste frasi dai genitori di un figlio con handicap. È vero: la sofferenza ci divide dagli altri, ce ne allontana in modo quasi naturale. Più...

leggi tutto

Perché ho dato una mano

Anzitutto, che cosa ho fatto di così particolare da essere messo in risalto? Mi sono occupato di Emanuele negli ultimi tre anni, due volte la settimana di pomeriggio (una sola volta a settimana lo scorso anno). Se andiamo a stringere, non sono che alcune centinaia di...

leggi tutto

Tutto quello che ha fatto per noi

Avere una mamma meravigliosa è una ricchezza immensa. Durante i mesi della mia gravidanza speravamo entrambe che nascesse una bambina; dopo tanti nipoti maschi ci voleva proprio! Mia madre era anziana, aveva una salute non buona, ma era felice di vedere la sua ultima...

leggi tutto

Prepariamolo a vivere con gli altri

Quando vi accorgete o venite a sapere che vostro figlio è ritardato nell’intelligenza è ben magra consolazione sapere che non siete i soli ad avere un figlio così. Nei primi anni pensate che nessuna coppia ha incontrato una simile disgrazia e per questo vi sentite...

leggi tutto

Lo zio Jurgens

Quando ho passato il primo Natale nella famiglia di mio marito, lo zio Jurgens era là. Non era potuto venire al nostro matrimonio, ma l’ho visto ad ogni festa di famiglia e sempre d’estate al mare quando ci ritroviamo tutti insieme. Lo zio è uno di quelli che...

leggi tutto

Ora che sono sola… non sono più sola

...E ancora lento trascorre il tempo e pietoso lenisce quel gran dolor che mai finisce. Sola e sperduta nella grande casa, con pennellate di malinconia e speranza, rubando il suo color ad una rosa, lentamente dipingo la mia stanza! Sola e sperduta: questa era la mia...

leggi tutto

Vederli migliorare

La fondatrice Carla Piccoli Dal Maso, insieme a Cristina Baso fisioterapista e a Laura Pettenò psicologa nel Centro, raccontano la storia e le caratteristiche della Cooperativa Intervento Questa impresa nasce come volontariato negli anni ’70, fino a coinvolgere...

leggi tutto

Il convento: una seconda famiglia per Giampiero

Giampiero ha 33 anni, ha la sindrome di Down ed è l'ultimo di cinque figli. La fede dei suoi genitori è divenuta la sua fede a mano a mano che cresceva. Quando i suoi genitori hanno cominciato a chiedersi quale sarebbe stato il posto più adatto per Giampiero adulto,...

leggi tutto

«Vivere l’ultimo istante»

Morire a casa o in ospedale? Con quale assistenza? Si può tentare di capire la realtà dei morenti e superare i timori connessi con la loro presenza? E’ così difficile morire? Questi e molti altri sono gli interrogativi posti dal libro, che cerca di rispondere...

leggi tutto

«Quando arrivano i Fatt’ Curagg»

Alcune storie, vere nel nucleo centrale, emotivamente intense, delineano personaggi, anch’essi veri, che hanno tutti una cosa in comune: un’esperienza di malattia, di ricovero ospedaliero o anche di morte, in cui le sofferenze fisiche e materiali sono aggravate...

leggi tutto

«Come i cerchi nell’acqua»

Ecco un libro che vale davvero la pena di leggere perché autentico, significativo e utile anche sotto il profilo scientifico. L’autrice, Presidente della Cooperativa «Intervento» di Mestre e responsabile del centro di riabilitazione, racconta la sua esperienza: il suo...

leggi tutto

Dialogo aperto n. 16

"Posso dire di essere cresciuta al Mary Mount: da piccola giocavo... giocavo... giocavo, in un’atmosfera piena di gioia, poi piano piano ho cominciato a dare il mio piccolo contributo con un senso di responsabilità sempre maggiore"..."Una foto bella ed appropriata può...

leggi tutto

Sostienici

Puoi sostenerci con il tuo tempo, la tua esperienza, la tua professionalità, ma anche economicamente.

Collabora con noi

Hai un computer e un po’ di tempo a disposizione? Aiutaci a digitalizzare il nostro archivio.

Ombre e Luci n.59 – Jean Vanier premio Paolo VI – La loro vita nei film ultima modifica: 1997-09-15T09:24:45+00:00 da admin
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi