Sono andata in discoteca. L’avevo già deciso a luglio quando ero in vacanza al mare. Ma a Roma è un’altra cosa. Aspetta: sono due cose diverse. Quando ero al mare volevo andare in discoteca perché tutti parlavano di quando andavano in discoteca. Io voglio fare sempre tardi e non voglio mai rientrare a casa prima di mezzanotte fonda. Però loro sono matti perché si incontrano per andare in discoteca a mezzanotte perché la discoteca apre all’una. Io non sono mica matta. Così mi sono inventata una scusa per non andare. Però prima sono entrata nel negozio di Ylenia e di Tatiana e ho detto: voglio comprarmi un vestito bello, con i brillantini, per andare in discoteca. A mamma non avevo detto un bel niente. Ylenia e Tatiana mi hanno dato il vestito e mamma quando è arrivata, perché io a Castiglion della Pescaia vado in giro da solissima, ha pagato lei. Per fortuna perché io non avevo manco un soldo.

Quando ho spiegato a Ylenia e Tatiana che volevo andare in discoteca mi hanno detto che mi accompagnavano loro volentieri. Ylenia è pure la fidanzata del proprietario. Mi hanno chiesto se avevo paura della musica a tutto volume e io detto che non lo sapevo. A Roma ci sono le discoteche che aprono presto, non come a Castiglion della Pescaia. Io ci sono andata alle otto e mezzo. Però i genitori non possono entrare. Neppure a Castiglion della Pescaia possono entrare.

A me l’idea di andare in discoteca è venuta perché ci va Elia. Lui mi sta molto simpatico e mi vuole bene, è sempre gentile con me. Vive a Brescia e ha una sorella. In discoteca al mare ci volevo andare anche con lui. Ma ci vado l’estate prossima: promesso. A Roma mi sono divertita tanto in discoteca, però se c’era Elia era molto meglio. Ho parlato con Giovanni, che viene a scuola all’Alberghiero con me, e con Chiara che mi ha presentato le sue amiche perché io non conoscevo nessuno. Non conoscevo le canzoni ma non importa. L’importante è che mi sono divertita. Poi in macchina mi sono addormentata.

Altri articoli dal blog di Benedetta

Tanto io non la perdo

Io le bugie non le dico. Mai. Per questo quando ho messo la mano nella Bocca della Verità ero sicura, sicurissima, che non mi succedeva proprio un bel niente. Tutti mi dicevano: «Attenta Benedetta che ti mangia la mano!». Ma che sei matto? A me la mano serve per...

A ballare. Ma senza Elia (per ora) ultima modifica: 2019-10-18T14:26:15+00:00 da Benedetta Mattei
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi