AVVISO

Inchieste promosse dall’Arca internazionale hanno accertato gravi responsabilità di padre Thomas Philippe (la prima nel 2015) e di Jean Vanier (2020) nei confronti di diverse donne. Qui il comunicato più recente che condanna senza riserve queste azioni «in totale contraddizione con i valori che Vanier sosteneva» e con «i principi fondamentali delle nostre comunità».

Larmes de silence

Jean Vanier, Presses de la Renaissance, 2014, 120 pagine

Una delle foto più suggestive vede un bimbo in ciabatte, le braccia aperte come ali, che gioca a fare l’equilibrista sul muro di un edificio distrutto. In tante delle immagini in bianco e nero scattate da Jonathan Boulet–Groulx per accompagnare il libro domina proprio il contrasto tra rassegnazione e speranza, squallore e tenerezza, morte e vita. Nel libro infatti Vanier torna ad affidare alla poesia il racconto di un mondo spaccato: da una parte il dolore innocente di chi soffre malattie, guerra, povertà, vecchiaia, solitudine, dall’altra il malessere colpevole di quanti, restano «prigionieri di abitudini egoiste». Parole e ritratti d’amore si alternano così a pagine di denuncia in cui le lacrime silenziose sul volto dei bimbi o trattenute in occhi adulti sono conseguenza dell’ingiustizia che regola il mondo. «Cuori di pietra», sordi alle grida di dolore, sono immortalati nella loro condizione di monadi tristi che, telefono all’orecchio, camminano in strade affollate come fossero nel deserto. È a questi cuori che il libro parla, chiedendo uno sguardo nuovo che veda nella fragilità non una maledizione, ma un ponte verso l’altro.

 

Larmes de silence ultima modifica: 2019-07-16T08:58:27+00:00 da Silvia Gusmano
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi