Cinema e disabilità: i 3 film di Adriano Ercolani

Abbiamo chiesto ad alcuni critici cinematografici di elencare 3 film che affrontano il tema della disabilità. Adriano Ercolani, che scrive, fra gli altri, su  Coming Soon e Screenweek, ha scelto questi.

Adriano Ercolani

Adriano Ercolani

Scrive di cinema, fra gli altri per Coming Soon e Screenweek. Collabora con Linkiesta, Repubblica, Fumettologica, Minima&moralia e ora ilfattoquotidiano.it.

The Elephant Man

(id., Gran Bretagna, 1980, durata 125 min.) di David Lynch, Con Anne Bancroft, John Hurt, Anthony Hopkins, John Standing, John Gielgud

Il più famoso caso medico dell’Inghilterra vittoriana viene tratteggiato dal genio di David Lynch in una favola in bianco e nero, visivamente abbagliante e insieme capace di arrivare al cuore dello spettatore. Dietro il trucco enorme il protagonista John Hurt riesce ad esplicitare tutta l’umanità e la dignità di John Merrick, uomo comune e come tutti bisognoso di affetto. A completare un cast di attori in stato di grazia un giovane Anthony Hopkins mai più così misurato e un elegante cammeo di Ann Bancroft.

Il mio piede sinistro

(My Left Foot, Irlanda, 1989, durata 100 min.) di Jim Sheridan. Con Brenda Fricker, Daniel Day-Lewis, Ruth McCabe, Cyril Cusack, Hugh O’Conor, Ray McAnally

Dublino, 1931. Nato con una paralisi celebrale che ne limita quasi totalmente i movimenti, Christy Brown diventa fin da subito il centro emotivo di una famiglia vitale, ottimista, che lo supporterà fino a farlo diventare un pittore di successo. Il film diretto da Jim Sheridan è un inno alla gioia della vita in tutte le sue forme. Il film che ha lanciato Daniel Day-Lewis, il quale grazie alla sua commovente interpretazione si aggiudicò il primo Oscar di una carriera impareggiabile.

Figli di un dio minore

(Children of a Lesser God, USA, 1986, durata 118 min.) di Randa Haines. Con Piper Laurie, William Hurt, Marlee Matlin, Philip Bosco, Max Brown, Allison Gompf.

Un nuovo insegnante in una classe di sordi, una ragazza senza udito che si rifiuta di parlare, un rapporto che inizia a costruirsi sul dolore e la frustrazione per trasformarsi in un’appassionante storia d’amore. Un magistrale William Hurt e la rivelazione Marlee Matlin sono l’anima vibrante di un melodramma coraggioso e non scontato, capace di restituire allo spettatore sia la frustrazione che la dignità dei personaggi. Un cult-movie da riscoprire.

Speciale Cinema e disabilità

Con i contributi di:

Federica Aliano

Federica Aliano

Emanuele Rauco

Emanuele Rauco

Alessandro de Simone

Alessandro de Simone

Giorgia Sdei

Giorgia Sdei

Adriano Ercolani

Adriano Ercolani

Valerio Sammarco

Valerio Sammarco

Andrea Guglielmino

Andrea Guglielmino

Boris Sollazzo

Boris Sollazzo

Gabriele Niola

Gabriele Niola

Edoardo Zaccagnini

Edoardo Zaccagnini

Emilio Ranzato

Emilio Ranzato

Vuoi essere tu?

Vuoi essere tu?

Cinema e disabilità: i 3 film di Adriano Ercolani ultima modifica: 2019-11-16T17:47:08+00:00 da Adriano Ercolani
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi