Ho letto con interesse l’articolo di Rita Massi (“Come dirlo” n. 141) e non si può che essere d’accordo sul fatto che qualunque termine può essere offensivo o meno, dipende dal contesto e dall’intenzionalità di chi lo pronuncia.
Però vorrei esprimere una piccola riserva.
Durante il mio primo anno d’insegnamento da incaricata annuale, nel liceo scientifico di Caluso (TO), il preside, prof Del Giudice, forse preoccupato dalla giovane età del gruppetto delle nuove insegnanti, organizzò un corso di aggiornamento didattico – disciplinare; lui stesso tenne la prima lezione.
S’iniziò dall’appello.
Nel caso avessimo avuto dubbi sulla pronuncia di un cognome (allora si trattava solo di accenti, non c’erano non italiani in classe), dovevamo chiedere all’interessato la dizione giusta e scusarci quando la sbagliavamo.
Mai accusare di essere maleducato o peggio stupido ma sempre «ti stai comportando come un maleducato» o «come uno sciocco» ecc.
Evitare anche timido. Parlando con i genitori, al classico «suo figlio è molto timido«, era preferibile «è un ragazzo riservato, lasciamolo crescere…».
Il nostro essere un riferimento doveva cominciare proprio dal nostro linguaggio.
Anni dopo, leggendo e ascoltando Jean Vanier, ho ritrovato lo stesso invito a non abbassare la guardia nemmeno nell’uso delle parole: «Si dice persona con disabilità non persona disabile, perché la disabilità della persona non la esaurisce».
Sappiamo che la comunicazione non è solo verbale, ci sono gli sguardi, l’intonazione, il contesto, i silenzi, la consuetudine, i gesti e altro ancora, per non parlare di situazioni oggettivamente gravi, complesse.
Ma se l’attenzione a quello che si dice, ai termini che si scelgono, fosse un esercizio continuo arriveremmo, forse, alla delicatezza d’animo, alla leggerezza “profonda” che sa esprimere senza ferire.
Come gli uccellini che si poggiano sul rametto senza inclinarlo.

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.143, 2018

Sommario

Editoriale

Finestre di speranza di Cristina Tersigni

50 anni di Ombres et Lumière

Una radice e delle ali di Marie-Hélène Mathieu
Oltre la cronaca, vicini al quotidiano a cura di Cristina Tersigni e Giulia Galeotti

Scegliamo con cura le parole di Nicla Bettazzi
Scarti o pietre portanti? di Padre Carlo Vecchiato
I miei occhi e il mio cuore hanno vissuto la meraviglia 
di Liliana Ghiringhelli
Domeniche fondamentali
 di Marcella Potenza
Con il tuo passo di Lucina Spaccia
La nostra meglio gioventù di Angela Grassi | Anche in lingua inglese
La stagione dei campi a cura di Matteo Cinti

Rubriche

Dialogo Aperto n. 143
Vita Fede e Luce n. 143
Viola e Mimosa
Desaparecida

Scegliamo con cura le parole ultima modifica: 2018-07-20T10:01:21+00:00 da Nicla Bettazzi
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi