Il mio piccolo fratellone si chiama Daniele ed è affetto da una forma di autismo che si è manifestata più o meno a partire dai tre anni di età. Daniele è un ragazzo estremamente sensibile, dolce, attento a tutti ed a tutto quello che gli accade intorno, pur nell’apparente distrazione dietro cui si protegge. Daniele ama i colori, ama scrivere, disegnare, mangiare dolci e gelati e giocare con le parole. Ma la sua vera passione, ed ossessione, è il tempo, i giorni della settimana, lo studio del calendario che è sempre stato il suo gioco preferito (perché sa che lì vince sempre!). Il trascorrere del tempo se, da un lato, gli dà certezza e sicurezza costitutisce anche la sua più grande ansia quotidiana perché non gli basta sapere quello che farà oggi, ma deve poter programmare quello che farà domani, dopo domani e “dopo domani ancora”. Ma questo credo che sia comune anche a molti di noi, solo che lui lo dà a vedere senza troppe remore.

Il suo mondo, sin da quando ero piccola, mi ha sempre affascinato: così complesso e impercettibile, da un lato, così semplice, spontaneo, privo di barriere e inutili costruzioni – che a volte ci creiamo – dall’altro. Ricordo che quando vivevo a casa e tornavo stanca dalla solita frenetica routine quotidiana, lo trovavo nella sua stanza chino sul suo foglio a disegnare come se nulla lo toccasse e questo mi trasmetteva un immenso senso di pace e tranquillità. In quel momento mi fermavo anch’io a riflettere e mi chiedevo se avesse un senso quell’affanno quotidiano. Poi tutto ricominciava ed era giusto così.

Daniele, nella sua innocenza e tenerezza, è come un eterno bambino ed a me, da sorella maggiore, viene da trattarlo sempre come tale… vorrei proteggerlo da tutto e da tutte le persone che non sento vicine e questo, in realtà, è forse un mio limite. Ora che sto per diventare mamma chissà se sarò così apprensiva anche con mio figlio e come cambierà e crescerà il rapporto con mio fratello. La verità è che anche a lui, nonostante in questo periodo manifesti un forte bisogno di indipendenza, piace essere sempre coccolato ed al centro dell’attenzione di mamma, papà e sorelle; spero che riusciremo a fargli capire che queste “nuove vite” non cambieranno l’amore che proviamo nei suoi confronti e forse saranno anche per lui un’occasione per crescere e scoprire la gioia di essere zio.
Daniele è questo ed è molte altre cose, è sempre una nuova gioia e scoperta perché il suo essere speciale è un dono e una ricchezza ogni giorno.

di Maria Paola Tosti

Dossier Autismo

La lezione del femminismo di Nicla Bettazzi
Un altro anno di Giovanni Grossi
Bicoca's Got talent di Giovanni Grossi
Alla fine qualcosa ci inventeremo di Redazione
Con loro ci sto bene di Giovanni Grossi
L'emozione non ha voce di Redazione
Mamma ti posso parlare di Redazione
Ora che sto per diventare mamma di Maria Paola Tosti
Momenti difficili di Pennablu
Che senso ha la vita di Paolo? di Maria Amelia
Un panorama da riscoprire di Tommaso Bertolini
Nicola Pintus e il progetto Filippide di Huberta Pott
Autismo e integrazione scolastica di Davide Del Duca

Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi