Il giorno della nascita ci hanno detto che il bimbo era un po’ sottopeso, ma non ci siamo preoccupati poiché per le due sorelle maggiori era successa la stessa cosa ed erano sane (ed ora laureate). Il giorno successivo mi hanno convocato in clinica e hanno comunicato a me e a mia moglie che Matteo era down. Certo è stata una sorpresa abbastanza pesante, ma immediatamente siamo stati affiancati da una equipe specialistica, da un’assistente sociale e da un’esponente dell’Associazione Genitori Bambini Down (adesso Ass. Genitori Persone Down n.d.r.). Con l’aiuto di tutte queste persone ci siamo fatti subito una ragione…non tutti sono “Eurostar” ci sono anche i treni locali che vanno piano e Matteo sarebbe stato uno di questi! Così grazie a tutti questi supporti non ho avuto difficoltà a capire che Matteo non era come gli altri e a parlarne con sufficiente tranquillità, anche per il futuro, con mia moglie Luisa. Allora frequentavamo un gruppo familiare in parrocchia e con questi amici abbiamo avuto modo di parlare di Matteo sin da subito: erano e sono veri amici sinceri perché lo hanno accolto senza riserva. Tramite l’Ass. Genitori Bambini Down ho avuto modo di parlare con altri papà: ma ho avuto difficoltà a parlare di Matteo là o altrove perché quasi tutti gli altri bambini down avevano altre patologie collegate, anche molto gravi, (cuore, vista, ecc.) mentre Matteo è assolutamente sano per cui ci sentivamo per questo molto fortunati nei loro confronti. (Abbiamo lasciato tale Ass. perché troppo distante da casa). Non posso dire di essere stato deluso dalla nascita di Matteo, anzi è stato dall’inizio così… “solare” (e lo è tuttora) che stare con lui mi risulta facile e appagante.

Parla Mario Ferrini (53 anni), papà di Matteo, 12 anni

Ombre e Luci n. 92, 2005

Dossier Noi Papà

Sono spesso criticati o presi in giro dalle mamme per la loro incompetenza nell’accudire un figlio appena nato; sono giudicati severamente dalle mogli più buone quando, invece di rimproverare, si fanno partecipi del chiasso o del disordine al momento di andare a tavola... continua

Testimonianze

Un figlio a sorpresa di Mario
Un panorama da riscoprire di Tommaso Bertolini
La lotta del padre-cittadino di Vito Giannulo
Pazienza, tenacia, anche durezza a cura di Sergio De Rino
Smack come bacio di Carlo
Un padre rivela il dono unico di suo figlio di Gilles Le Cardinal
Itinerari paralleli di Giovanni Adorni Braccesi
Un mondo da scoprire, camminando e fermandoci& di Enrico Orofino

Libri

Educare alla paternità di Elena Zanfroni

 

Altri dossier

Autismo

Chi ha avuto un figlio autistico, chi ha diviso la sua vita insieme ad un ragazzo con questo tipo di problemi, sa. Chi non ha vissuto questa esperienza non può sapere... continua

 

Un figlio a sorpresa ultima modifica: 2005-12-05T12:12:57+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi