“Dopo che è nata Valeria mi sono detto: ma è così facile fare il padre?”. Prima infatti per Antonio Bini, 53 anni, di Monopoli, era stato difficile, molto difficile. Prima vuol dire Anita. Anita ha 20 anni, quattro più della sorella Valeria. A causa di un’asfissia al momento del parto è affetta da un ritardo psicomotorio piuttosto grave, ha frequentato la scuola pubblica solo fino alla quinta elementare e sempre controvoglia per l’impossibilità di adattarsi ad orari e disciplina. “Il rapporto con la scuola è per me una ferita ancora aperta – racconta il papà – alle elementari il problema principale era l’orario d’ingresso. Anita non sopporta di alzarsi presto, perciò avevo proposto al suo medico di chiedere al direttore della scuola il permesso di farla entrare più tardi. Il medico ha risposto che Anita doveva abituarsi a fare come gli altri e le cose sono andate sempre peggio. Resto convinto che un tentativo si poteva fare”.

Tutta la vita di Antonio è un tentativo di far stare meglio Anita. “Oggi per me il problema non è l’handicap di mia figlia perché quello l’ho accettato. E anzi noi siamo stato fortunati perché la scoperta  del suo problema è stata graduale, non abbiamo avuto lo choc improvviso che hanno ad esempio i genitori dei bambini Down. Ma a volte mi prende lo sconforto quando cerco di uscire con Anita, vedere gente, fare cose, insomma avere una vita normale e lei non vuole. Se dice no è no. Allora mi viene di pensare che il problema non è l’handicap, ma il suo essere pigra, abulica”. Insomma Anita fa le cose che le va di fare e solo quelle. Suo padre invece le fa tutte. “Quando hai un problema come quello che ho io, lo cancelli dalla mente e ti butti nelle cose da fare”. La famiglia di Antonio anima l’oratorio della parrocchia (e questa è una di quelle cose che anche Anita fa volentieri). Oltre a questo il papà si è buttato a capofitto in un’associazione che si chiama “Per loro” e gestirà lo sportello informativo sull’handicap al Comune di Monopoli. “I genitori hanno bisogno di aiuto ma non devono aspettare che piova dal cielo, devono andarselo a cercare facendo valere i propri diritti. Le leggi ci sono ma per farle rispettare bisogna darsi da fare, e molto”. Antonio ci tiene molto che passi questo appello alla mobilitazione comune dei genitori.  “Sono così tanti in Italia le mamme e i papà di persone handicappate che forse potrebbero fondare un partito politico e mandare qualcuno in Parlamento!”.

Questo modo di essere padre tutto proiettato sul fare, sul partecipare, sul prendere la parola, quest’ansia di padre-cittadino che vuole che a sua figlia non manchi nulla di ciò che una società civile può riservare a una persona svantaggiata, a volte paradossalmente si risolve nella necessità di stare lontani da casa – e quindi da Anita – più tempo del necessario. “Io non ho nessuno svago per me – dice Antonio – perché l’associazione mi prende molto tempo e a volte mia moglie me lo rimprovera”. Lui sa che il peso della famiglia ricade per la maggior parte sulla mamma. “Quando riusciamo ad essere in due e Anita non vuole uscire di casa, uno va e l’altro resta. Ma quando mia moglie è sola, come spesso accade, e Anita fa resistenza diventa un dramma uscire. E questo dramma è tutto e sempre di mia moglie”. La conversazione con Antonio finisce qui. Deve andare. Ha una riunione importante e non può mancare.

di Vito Giannulo, Ombre e Luci n.92, 2005

Dossier Noi Papà

Sono spesso criticati o presi in giro dalle mamme per la loro incompetenza nell’accudire un figlio appena nato; sono giudicati severamente dalle mogli più buone quando, invece di rimproverare, si fanno partecipi del chiasso o del disordine al momento di andare a tavola... continua

Testimonianze

Un figlio a sorpresa di Mario
Un panorama da riscoprire di Tommaso Bertolini
La lotta del padre-cittadino di Vito Giannulo
Pazienza, tenacia, anche durezza a cura di Sergio De Rino
Smack come bacio di Carlo
Un padre rivela il dono unico di suo figlio di Gilles Le Cardinal
Itinerari paralleli di Giovanni Adorni Braccesi
Un mondo da scoprire, camminando e fermandoci& di Enrico Orofino

Libri

Educare alla paternità di Elena Zanfroni

 

Altri dossier

Autismo

Chi ha avuto un figlio autistico, chi ha diviso la sua vita insieme ad un ragazzo con questo tipo di problemi, sa. Chi non ha vissuto questa esperienza non può sapere... continua

 

La lotta del padre-cittadino ultima modifica: 2005-12-05T11:40:09+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi