“Dopo tre anni di scuola materna, che sono stati un tormento – racconta la mamma di Aimone – non vedevo l’ora che mio figlio andasse in prima elementare. Non ce la facevo più: all’asilo lo vedevo sempre in un angolo, con la sua maestra, lontano dagli altri bambini. E quando dicevo alla suora che forse bisognava fare così o cosà, mi rispondeva: ma lui è un bambino diverso! Quante battaglie! E mi sembrava di averle perse tutte. Così speravo in un po’ di normalità e sognavo Aimone a scuola con gli altri. Ma la neuropsichiatra mi dice “Signora, è meglio che suo figlio frequenti la Scuola Potenziata di Zingonia” Che colpo! Una fitta al cuore, come se mi avessero detto per la seconda volta: suo figlio ha dei problemi, ha un handicap grave. Io di quella scuola non ne volevo sapere. Mai e poi mai avrei mandato Aimone in una scuola “potenziata”.

Poi ne ho parlato con mio marito.
Abbiamo ragionato insieme, abbiamo visto i pro e i contro. “Piuttosto che vederlo ancora in un angolo della classe…” mi diceva. Il fatto è che non sapevamo niente di questa scuola. Non immaginavamo neanche che Aimone avrebbe potuto imparare tanto.

Qui è tutto diverso dalla scuola materna; questa è la scuola proprio per lui. E con gli altri bambini, in certe ore della giornata, durante l’intervallo, in palestra per i giochi. Ma nello stesso tempo ha un programma su misura, che gli consente di sviluppare le sue capacità, di farsi capire meglio e di indicare ciò che vuole. Ha iniziato a lavorare con gli ausili della comunicazione aumentativa (1) e anche qui a scuola li usa. E bello che ci sia questa continuità tra la riabilitazione fatta all’esterno e le attività della scuola. E c’è una continuità anche per noi genitori: la neuropsichiatra, il fisioterapista, la psicologa, sono gli stessi del servizio territoriale. Così si lavora di più, si ha un orizzonte più ampio, lo vedono anche a scuola e non solo in ambulatorio. E sentono le insegnanti, gli obiettori. Lavoriamo insieme per Aimone, certo, ma anche per noi. Se tornassi indietro, ce lo manderei subito Aimone, alla Scuola Potenziata”.

La mamma di Aimone , 1999

(1) In uno dei prossimi numeri, tratteremo diffusamente questo tipo di sperimentazione didattica.

Questo articolo è tratto da
Ombre e Luci n.64, 1998

Sommario

Editoriale

Fausta di M. Bertolini

Articoli

Una scuola su misura di M. Bartesaghi
Perché Scuola Potenziata e Centro Socio-Educativo per piccoli di M. Bertolini
Non sta più in un angolo della Mamma di Aimone
Le idee dell'Arca di Redazione
Il Chicco di T. Cabras
Ognuno a suo modo di M.T.Mazzarotto
Decalogo per insegnare alle persone con difficoltà di Redazione
La tua parola è per tutti di L.Bertolini

Rubriche

Dialogo aperto
Vita Fede e Luce

Non sta più in un angolo ultima modifica: 1998-12-10T16:16:50+00:00 da Redazione
Shares
Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi